mercoledì - 29 Giugno 2022
HomeAttualitàVandali distruggono i giochi del parco, l’appello di Albini: “aiutatemi ad aiutare...

Vandali distruggono i giochi del parco, l’appello di Albini: “aiutatemi ad aiutare questi ragazzi”

Il presidente del Consiglio comunale di Trezzano chiede ai residenti di via Gramsci di mobilitarsi in difesa dell’area verde

parco-via-Gramsci
Nella foto, uno scorcio del parco di via Gramsci e, nel riquadro, i giochi danneggiati

La foto è eloquente ed è simile a mille altre pubblicate sull’argomento. Testimonia il vuoto esistente in chi danneggia un bene pubblico per “gioco”. Qui si parla ancora di vandalismo, dei danni provocati alle attrezzature del Parco del Noce di via Gramsci, a Trezzano. Con una variante: l’appello lanciato dal presidente del Consiglio comunale della città che ha chiesto di aiutarlo ad “aiutare” i ragazzi protagonisti di questi episodi, e, ai residenti di via Gramsci, di mobilitarsi per difendere e custodire il parco che sorge nella via.

L’appello è stato pubblicato sul gruppo Sei di Trezzano se… “Pensavo – ha scritto Albini – ad un post muto. Da amministratore e da cittadino monta un sentimento solo ma con tante sfaccettature: la rabbia. La rabbia per la mancanza di rispetto del territorio e della cosa pubblica. E questo nasce dall’ignoranza, nel senso di non essere in grado di comprendere i propri gesti. Dall’altro la rabbia per la mancanza di noi comunità educante di far crescere una generazione forte oggi per permetterle di essere classe dirigente domani.
La chiusura? Le telecamere? La repressione? Certo misure contenitive oggi. Paliativi per il domani. Chi ha voglia di prendersi in carico con me del Parco del Noce? E soprattutto, di questi ragazzi?”

Naturalmente il post ha provocato una serie di reazioni. La maggior parte ha addebitato ai genitori le responsabilità di ogni atto vandalico, alcuni alla scuola, altri alla mancanza di rispetto che sembra abbia infettato la stragrande maggioranza dei giovani trezzanesi e non. Pochi si sono offerti di collaborare in prima persona. “Chi ha voglia di prendersi in carico con me del Parco del Noce? E soprattutto, di questi ragazzi?” ha chiesto Albini.

Fabio Fiamberti è quello che ha centrato meglio di altri il problema: “Mi rattrista – ha scritto – un po’ che tutti i commenti siano limitati a decidere di chi è la colpa e nessuno abbia risposto alle domande di Claudio Albini. Per ciò che posso, ci sono… Meno a controllare un parchetto, più volentieri ad educare questi ragazzi”.

“La mia voleva essere una provocazione – ha detto il presidente del Consiglio comunale di Trezzano a pocketnews.it -. Parte dal presupposto che il Parco Virgilio ha un comitato che se ne occupa, così come il parco Gioia, e il parco Neruda e tanti altri. Perché non organizzarsi e creare un comitato che si dedichi alla cura del parco di via Gramsci? Un comitato che organizzi iniziative, che coinvolga i residenti, le famiglie, i ragazzi?” Sarebbe l’inizio di un percorso virtuoso che potrebbe condurre a traguardi oggi inimmaginabili. Per il momento, però, si tratta solo di un percorso virtuale. Se c’è qualcuno che vuole rimboccarsi le maniche, Albini è disponibile.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

INZOLI Officina Naviglio Sport visionottica Crepaldi Auto Testori Sai Maiorana rimozione tatuaggi Barcelo Viaggi Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi INZOLI Officina Naviglio Sport Maiorana rimozione tatuaggi visionottica Crepaldi Auto Testori Sai Barcelo Viaggi