sabato - 25 Settembre 2021
HomeRubricheFUORIPORTAUn tuffo nel passato, alla scoperta del "Villaggio ideale del lavoro”

Un tuffo nel passato, alla scoperta del “Villaggio ideale del lavoro”

Se si vuole vivere un’esperienza insolita e fare una gita di una giornata a meno di un’ora, il villaggio Crespi d’Adda potrebbe essere una meta dalle mille sorprese

Fu realizzato a fine Ottocento ma ancora oggi è considerato un “Villaggio ideale del lavoro”. Si è conservato perfettamente integro, mantenendo pressoché intatto il suo aspetto urbanistico e architettonico  tanto che l’Unesco lo ha inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale Protetto in quanto “Esempio eccezionale del fenomeno dei villaggi operai, il più completo e meglio conservato del Sud Europa”. Un sito da visitare.

transfrigo-sevice-banner-okSe si vuole vivere un’esperienza insolita e fare una gita di una giornata a meno di un’ora dall’hinterland milanese, il villaggio operai Crespi d’Adda potrebbe essere una meta dalle mille sorprese. Realizzato accanto a un opificio tessile, lungo la riva bergamasca del fiume Adda in  Corso Manzoni, a Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo.

È il perfetto modello di un complesso architettonico che illustra un periodo significativo della storia italiana, quello della nascita dell’industria moderna. È intitolato a Crespi perché è il nome della famiglia di industriali cotonieri (proprietari anche del Corriere della sera) che decisero di dar vita a una “città ideale del lavoro”, che accogliesse al suo interno tutte le proprie maestranze.

L’idea era di riprodurre un piccolo feudo (nell’area c’era anche un castello), dove l’abitazione e il padrone stesso fossero simbolo sia dell’autorità che della benevolenza verso gli operai e le loro famiglie. La vita di questa piccola comunità ruotava attorno alla fabbrica, ai suoi ritmi e alle sue esigenze: il padrone provvedeva a tutti i bisogni dei dipendenti e delle loro famiglie. Che oltre all’abitazione, avevano a disposizione chiesa, scuola, ospedale, dopolavoro, teatro, bagni pubblici, spacci alimentari e punti vendita di abbigliamento.

Architettonicamente, il villaggio ha uno stile neo-medioevale. Sono due gli elementi che colpiscono il visitatore: l’opificio e la villa padronale. Il primo ha un ingresso ricco di elementi decorativi ed è dominato da altissime ciminiere. La seconda, anch’essa in stile medioevale trecentesco, è sormontata da una torre, simbolo del potere della famiglia Crespi. Tutto intorno, i capannoni distribuiti in ordine lungo la via principale, ingentiliti da contorni in laterizio e fregi con stelle ad otto punte.  Più decentrati si trovano invece i villini degli impiegati e le splendide ville riservate ai dirigenti d’azienda.

ddnserviziSono molte le curiosità che emergono da una visita. Oltre ad essere all’avanguardia nella dotazione infrastrutturale e nei servizi, nel villaggio operario Crespi d’Adda furono adottate anche importanti innovazioni tecnologiche: è stato il primo paese in Italia ad essere dotato di illuminazione pubblica con il sistema moderno Edison!; nella scuola del villaggio, riservata ai figli dei dipendenti, tutto era fornito dalla fabbrica, dai libri alle penne ai grembiulini, dalla refezione allo stipendio e alloggio per gli insegnanti.

Non solo. A inizio Novecento, tra i tanti servizi gratuiti, fu costruita una piscina al coperto, con docce, spogliatoi e.. acqua calda; Crespi d’Adda  ha il prefisso telefonico di Milano (i Crespi fecero installare una linea privata a lunga distanza che collegava il loro castello con la residenza di Milano)! La fabbrica è rimasta in funzione fino al 2004 e oggi il villaggio è abitato da alcuni discendenti dei primi operai

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro topcarcusago Victory fashion Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro Topcarcusago Victory fashion Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori