giovedì - 5 Agosto 2021
HomeCronacaAssaltavano bancomat con esplosivo, condannati i boss a capo della banda

Assaltavano bancomat con esplosivo, condannati i boss a capo della banda

I quattro sono i responsabili un furto da 60mila euro al bancomat di Trezzano il 15 febbraio dell’anno scorso

assalti-bancomat-condannati-i-componenti-della-bandaQuattro componenti di una banda responsabile di rapine di auto di lusso e assalti agli sportelli bancomat dell’hinterland milanese sono stati condannati a Milano in rito abbreviato a pene dai 5 anni e 4 mesi a 7 anni e 8 mesi. Lo ha deciso il gup Sara Cipolla, accogliendo le richieste di pena formulate dal pm Maria Cristina Ria. La banda è responsabile anche di un furto da 60mila euro al bancomat di Trezzano il 15 febbraio dell’anno scorso.

transfrigo-sevice-banner-okDalle indagini della squadra mobile era emerso che i quattro, tutti cittadini italiani di etnia rom, insieme a un minorenne e altri complici, residenti nei campi nomadi di via Martirano e di via della Chiesa Rossa, con delle macchine di grosse cilindrata rubate con violenza commettevano altre rapine a persone e ai bancomat, ricorrendo nel secondo caso alla tecnica dell’esplosione con acetilene.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Laura Pedio e il pm Maria Cristina Ria, sono state avviate dopo una violentissima rapina commessa a Rho il 9 dicembre del 2019 a danno di due gioiellieri di origine fiorentina che avevano partecipato all'”Artigiano in Fiera”.

Quella, dopo aver affiancato l’auto delle vittime e sbarrandole la strada, volta il gruppo si era impossessato di 400mila euro in oro e pietre preziose, più 5mila euro in contanti. Gli investigatori della quinta sezione della Squadra mobile, diretti da Marco Calì e guidati da Francesco Giustolisi, avevano attribuito alla banda poi una tentata rapina con la stessa modalità il giorno dopo a quella agli orafi fiorentini.

Nell’elenco delle “imprese” della banda, anche un furto da 60mila euro con esplosivo al bancomat di Trezzano sul Naviglio avvenuto il 15 febbraio e, nello stesso giorno, un episodio simile a Piacenza. Infine tre violente rapine ad autisti, tra cui una culminata col furto di una Maserati Ghibli. Stando all’accusa, a capo della banda c’erano C.B., 25 anni residente presso il campo nomadi di via della Chiesa Rossa, e il suo complice R.S., 45 anni e domiciliato presso il campo nomadi di via Martirano 71 a Milano.

I due soggetti, sebbene fossero stati sottoposti all’affidamento in prova alla comunità terapeutica a Pianello Val Tidone (Pc) organizzavano e commettevano in prima persona le rapine. Attorno a loro due gravitavano il figlio del 45enne, V.E.S. di 19 anni, che sarebbe stato assoldato per i violenti attacchi agli sportelli bancomat degli istituti bancari e A.L., 32 anni, esecutore materiale delle rapine delle auto di lusso avvalendosi della complicità di altri due giovani F.A., 19 anni e D.S., 18 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro Victory fashion Victory fashion Transfrigo Service Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori Commercialista Livraghi DDN Servizi
Commercialista Livraghi Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro Victory fashion Victory fashion DDN Servizi Auto Testori Sai Transfrigo Service Barcelo Viaggi Libas Consumatori