domenica - 25 Settembre 2022
HomeAssagoAssago AttualitàSi chiamano “Max” e “Berla” i primi due cani anti - Covid...

Si chiamano “Max” e “Berla” i primi due cani anti – Covid dei carabinieri

I due pastori tedeschi, pronti ad entrare in servizio, sono stati addestrati in un’area riservata dell’ospedale Sacco di Milano

cani-anticovid-carabinieri
Nella foto, una fase dell’addestramento dei cani anticovid all’interno dell’ospedale Sacco di Milano

Si chiamano “Max” e “Berla” e sono due pastori tedeschi. Sono i primi due cani anticovid dei carabinieri di Milano. Sono stati addestrati in un’area interna all’ospedale Sacco e sono pronti per entrare in servizio.

La loro è una storia che val la pena essere raccontata. Quando si è compreso che i cani potevano essere un presidio per individuare le persone contagiate dal Covid, carabinieri e Università di Milano hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione per il loro addestramento.

Sono stati individuati “Max” e “Berla” allevati nel centro cinofili carabinieri di Firenze che sono stati trasferiti a Milano in un’area riservata del Sacco. La fase esecutiva del progetto è stata affidata a Maria Rita Gismondo, direttore dell’U.O.C. Microbiologia, Virologia Clinica e Diagnostica delle Bioemergenze, e al Comando Interregionale Carabinieri “Pastrengo”.

Per “imparare” il loro lavoro, “Max” e “Berla” hanno operato su campioni di garze impregnate di sudore, prelevato a persone affette da Covid-19 e a soggetti già risultati negativi al tampone molecolare. Contando sulle capacità olfattive dei cani addestrati nel distinguere gli odori, i due sono stati indotti a fiutare i pazienti infetti.

cani-anticovid-2I campioni sono stati approntati con garze sterili asportando il sudore dalla zona ascellare e inguinale con le dovute cautele sanitarie; ogni prelievo è stato eseguito in condizioni di sterilità del campione, evitando qualsiasi rischio di contaminazione. Nelle varie fasi dell’addestramento, ad ogni paziente, è stato eseguito un doppio prelievo, per consentire la ricerca in parallelo da parte di ciascun cane.

“Max” e “Berla” hanno individuato i positivi, a prescindere dal sesso e dalla carica virale. Realizzata la fase dell’imprinting olfattivo dei due cani, si è passati alle prove su positivi al Covid-19 dell’HuB tamponi del Sacco, in uno scenario reale.

Il protocollo è stato sviluppato garantendo la massima sicurezza degli operatori e dei due cani impiegati, attraverso l’effettuazione di periodici tamponi molecolari rino-faringei agli operatori e tamponi salivari con visita clinica ai cani in addestramento. Adesso i responsabili della ricerca e i vertici dei carabinieri stanno valutando i tempi e i modi per l’entrata in servizio di “Max” e “Berla”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

Birrificio barba d'oro INZOLI Officina Naviglio Sport visionottica Crepaldi Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi Birrificio barba d'oro INZOLI Officina Naviglio Sport visionottica Crepaldi Auto Testori Sai Barcelo Viaggi