mercoledì - 20 Ottobre 2021
HomeNewsCesanoCesano, Antonia Parisotto lascia Forza Italia e si schiera a favore dei...

Cesano, Antonia Parisotto lascia Forza Italia e si schiera a favore dei no-vax

“La mia scelta - dice - è maturata dopo mesi in cui i valori in cui credo fermamente, quelli di uguaglianza, di libertà individuale e dignità umana, sono sempre più calpestati dai provvedimenti presi dal governo nazionale di cui anche Forza Italia fa parte”

parisotto-cesano-boscone
Nella foto, Antonia Parisotto, ex consigliere comunale di Forza Italia, a Cesano Boscone

La lettera è arrivata ai vertici del partito di Berlusconi, negli scorsi giorni. Poi, ieri sera è stata letta durante il Consiglio comunale di Cesano Boscone. Antonia Parisotto lascia Farza italia e si rende indipendente. Non aderirà infatti ad alcuna altra forza politica presente in Consiglio.

Le sue dimissioni sono una via di mezzo tra una lettera d’amore e un j’accuse alle scelte fatte da Forza Italia da quando è entrata a far parte del governo a guida Mario Draghi. “Dopo approfondita riflessione – ha scritto – sono giunta alla decisione di uscire dal partito di cui faccio parte sin dalla sua nascita e nel quale sono stata eletta”.

“La mia scelta è maturata dopo mesi in cui i valori in cui credo fermamente, quelli di uguaglianza, di libertà individuale e dignità umana, sono sempre più calpestati dai provvedimenti presi dal governo nazionale di cui anche Forza Italia fa parte”.

“Non potrei – e qui arriva il j’accuse – mai avvallare decreti discriminatori e liberticidi, incompatibili  con i principi fondamentali del nostro ordinamento,  passati anche perché fortemente caldeggiati da chi, nel governo, rappresenta Forza Italia. È così atto di coerenza con i miei valori smettere di farne parte, rinunciando altresì a tutti gli incarichi fino ad oggi ricoperti”.

barcelo agenzia di viaggiiPoi conclude: “Continuerò a ricoprire il ruolo di consigliere comunale ma rimarrò fuori da altre collocazioni partitiche, nessuna delle quali si pone a difesa di quella minoranza di italiani che viene volgarmente etichettata come no vax, gravemente attaccata e discriminata nel nostro Paese.Ritengo questa mia una scelta doverosa per quanti ancora credono nei valori della nostra Costituzione repubblicana e che pongono al centro il rispetto dei diritti umani per tutti i cittadini”.

Parisotto aveva fatto parlare di sé qualche mese fa, quando aveva bollato il “Gay Pride come un ritrovo di disadattati, una squallida manifestazione che nulla ha di culturale”. Le sue parole avevano fatto il giro d’Italia provocando le reazioni di chi fa dell’orgoglio gay un elemento di distinzione in una società ritenuta “oscurantista”. Erano stati in molti a chiedere le sue dimissioni, richiesta che lei aveva ignorato. Da ieri la decisione di combattere da sola le battaglie in cui crede, quella dei no vax in primo piano.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

INZOLI Officina Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro topcarcusago Victory fashion Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi INZOLI Officina Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro Topcarcusago Victory fashion Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori