mercoledì - 29 Giugno 2022
HomeCronacaAccoltellamento dei due fratelli a Rozzano, le indagini si scontrano contro un...

Accoltellamento dei due fratelli a Rozzano, le indagini si scontrano contro un muro di omertà

I medici hanno sottoposto il più grave dei due a un delicato intervento chirurgico. Le sue condizioni risultano essere ancora gravi, tanto che la prognosi non è stata sciolta

carabinieriSi annunciano complicate le indagini sull’accoltellamento dei due fratelli marocchini avvenuto domenica sera in via Mimose a Rozzano. Questa mattina i carabinieri che indagano sul ferimento hanno fatto il punto della situazione, un punto da cui sono emerse tutte le difficoltà riscontrate, almeno sino a questo momento.

I fatti. L’agguato è avvenuto dopo le 18 in via delle Mimose. Un gruppo di quattro o cinque persone , coltelli in pugno,  ha affrontato i  due fratelli: un 20enne e un 25enne, con precedenti per spaccio. I due sono stati colpiti ripetutamente. Il maggiore dei due ha riportato ferite all’addome, una coltellata avrebbe sfiorato il cuore. Soccorso dai volontari del 118 è stato trasferito all’Humanitas in codice rosso.

I medici, in nottata, lo hanno sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Le sue condizioni risultano essere ancora gravi, tanto che la prognosi non è stata sciolta. Il più giovane ha invece subito ferite più lievi. Volontari della Croce viola Rozzano lo hanno trasportato sempre in Humanitas in codice giallo.

A poche ore di distanza, il movente dell’agguato non è stato ancora accertato. Colpa della omertà che regna negli ambienti nei quali è avvenuto. Tutto lascia supporre che sia maturato nell’ambito del traffico e dello spaccio di droga, ma non c’è la certezza assoluta. Il fratello minore ha rilasciato una sua versione dei fatti, versione che è al vaglio degli inquirenti.

Trovare il responsabile o i responsabili sarà comunque complicato. In astratto, gli autori del raid punitivo, non avendo alcun legame o avendone pochi con il territorio, potrebbero già essere in Spagna o nello stesso Marocco, come è avvenuto in casi simili. Sarà solo grazie al paziente lavoro dei carabinieri se si riuscirà a individuare il sottile filo rosso che lega i due feriti ai loro aggressori.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

INZOLI Officina Naviglio Sport visionottica Crepaldi Auto Testori Sai Maiorana rimozione tatuaggi Barcelo Viaggi Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi INZOLI Officina Naviglio Sport Maiorana rimozione tatuaggi visionottica Crepaldi Auto Testori Sai Barcelo Viaggi