mercoledì - 20 Ottobre 2021
HomePoliticaVolano gli stracci in Consiglio comunale a Rozzano tra l’assessore Anselmi e...

Volano gli stracci in Consiglio comunale a Rozzano tra l’assessore Anselmi e l’ex sindaco Agogliati

I due politici minacciano una raffica di querele per diffamazione per quanto emerso durante la seduta che doveva decidere su una commissione d’inchiesta su Ama e sulle dimissioni del suo amministratore

Rozzano-Agogliati-vs-assessore-anselmo
Nella foto, a sx l’ex sindaco Barbara Agogliati, a dx l’assessore Domenico Anselmo

Sono volati gli stracci, ieri sera durante l’ultimo Consiglio comunale di Rozzano. Si sono sfidati a “singolar tenzone”, l’assessore Anselmi e l’ex sindaco Barbara Agogliati. Tra i due c’è stata una serie di accuse sull’irregolarità di gestone dell’una e dell’altra parte di Ama, Api, Fondazione Reu. I due politici hanno minacciato una raffica di querele per diffamazione per quanto emerso durante la seduta che doveva decidere, tra le altre cose, su una commissione d’inchiesta su Ama e sulle dimissioni del suo amministratore, Marco Masini.

A detta degli osservatori neutrali, ieri si è vissuta una delle pagine peggiori della vita politica rozzanese, che già in passato ha vissuto momenti di grande tensione. La seduta è proseguita abbastanza tranquillamente sino al punto 7 quando si è cominciato a discutere di “Contestazione dei rimbrsi dell’amministratore unico di Ama – Richiesta di costituzione di una commissione di indagine.

Apriti cielo. Il crescendo è stato rossiniano. Si è cominciato co un un adagio andante: Fiorella Imprendi, segretario del Pd, ha illustrato le motivazioni che, dal punto di vista dell’opposizione, erano alla base della richiesta. “A soli dodici mesi dalla nomina dell’amministratore unico – ha detto – , oggi Ama si ritrova senza governance, senza assessore al bilancio” (le cui dimissioni sono state annunciate dallo stesso sindaco Ferretti, poco prima), con un bilancio chiuso con un passivo che “non fa ben sperare”.

“La commissione – ha sottolineato – serve a chiarire il ruolo svolto dall’amministratore unico in quest’ultimo anno”. La sua nomina è stata legittima? C’era un conflitto di interessi visto che lo stesso amministratore unico era consulente di Ama? Ha ricevuto rimborsi spese non dovuti, come evidenziato dalla verifica dei documenti?

L’adagio andante ha accelerato il tempo di battuta di almeno due quarti (chi capisce un po’ di musica, sa di cosa si tratta) con l’intervento del sindaco Gianni Ferretti. Che ha rilanciato: “se siete disponibili a istituire una commissione che indaghi, invece che solo sugli ultimi due anni, sugli ultimi quindici anni, io ve l’approvo immediatamente”.

“È troppo comodo – ha scommesso da vero giocatore di poker – indagare chi ha amministrato Ama negli ultimi due anni, ma se indagine deve essere allora dovrà servire a chiarire cosa è successo in Ama negli ultimi quindici anni, deve individuare chi ha portato al fallimento Api, come sono state gestite le municipalizzate, come sono avvenute le assunzioni” e via via discorrendo.

Autofficina Vitacar ToyotaIl tempo di 4/4 ad alta pulsazione si è scatenato con l’entrata in scena dell’assessore Domenico Anselmo. Che ha rovesciato sull’ex sindaco Barbara Agogliati e sull’intero Pd una valanga di accuse che se vere dovrebbero essere argomento di indagini della magistratura, non di dibattito in un consiglio comunale. E Anselmo ha citato il giudice Robledo come destinatario delle sue denunce.

Dopo aver difeso l’operato dell’amministratore unico di Ama, “il solo nella storia amministrativa di Rozzano ad essersi dimesso” per “un errore umano”, Anselmo ha mitragliato una serie infinita di episodi da inchiesta penale: dalle assegnazioni di alloggi Aler a persone non gradite a ex assessori del Pd, alla gestione del centro anziani di via Garofani, dal plateatico pagato dagli ambulanti non si sa a chi a un vicesindaco che aveva rapporti con elementi della criminalità che avrebbero incendiato i locali dove Anselmo aveva una sua attività. Ha infine puntato l’indice sui familiari dell’ex sindaco Agogliati che avrebbero fornito automezzi ad Area sud, la partecipata incaricata della raccolta dei rifiuti.

Un vero fiume in piena. Il j’accuse di Anselmo non ha risparmiato nemmeno Ama sport che negli anni a gestione Pd avrebbe approvato bilanci appesantiti da spese folli. Un esempio? In 10 anni di vasca sub per i corsi di immersione subacquea, sarebbero stati spesi circa 103mila euro per un ricavo lordo di soli 6mila euro. “Ok alla commissione – ha concluso il suo intervento l’assessore – ma che indaghi a partire dal 2004 e comprenda anche rappresentanti delle forze dell’ordine”.

Una pausa è arrivata con Vincenzo Lepori che citando il regolamento ha ricordato come non sia possibile modificare una mozione in corso d’opera, ma di essere disponibile ad approvare una commissione che indaghi sugli ultimi quindici anni di gestione pubblica a Rozzano. Prima, però, ha chiesto che fosse approvata quella sull’ultimo amministratore di Ama.

La palla è poi passata all’ex sindaco Agogliati che, naturalmente ha rigettato sul capo di Anselmo tutte le accuse: dalla gestione di Ama sport (una struttura sarebbe stata trasformata in una specie di chiringuito), alle assunzioni “allegre” nella stessa società. “Lei – ha accusato l’ex primo cittadino rozzanese – è stato incaricato di svolgere il lavoro sporco: intimidire la sottoscritta e tutta l’opposizione”.

“Le sue accuse sono delle vere e proprie diffamazioni – ha ribadito – in merito alle quali ci riserviamo di querelarla. Ha detto cose pesantissime nei confronti di persone rispettabilissime”. “Sono offesa – ha concluso – che nella giunta di Rozzano ci sia una persona come lei disposta a scendere così in basso”. La mozione, definita dal presidente del Consiglio comunale Marco Macaluso (che ha invitato tutti ad alzare l’asticella e a pensare alla città), una “mozione fantoccio” è stata respinta.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

INZOLI Officina Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro topcarcusago Victory fashion Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi INZOLI Officina Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti Casaforte visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro Topcarcusago Victory fashion Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Libas Consumatori