domenica, Giugno 16, 2024
HomeNewsCesanoMolestò sessualmente 4 bambine in un centro ippico, per il pubblico...

Molestò sessualmente 4 bambine in un centro ippico, per il pubblico ministero è ‘fatto tenue’

Sul banco degli imputati un 26enne residente a Cesano Boscone. La posizione della Procura ha sucitato l’ira delle parti civili

maneggio-carabiniere
Gli episodi erano avvenuti tra febbraio 2018 e novembre 2019, tutti all’interno di un centro ippico alle porte del capoluogo lombardo dove le ragazzine frequentavano un corso di equitazione

Un 26enne originario di Voghera, ma residente a Cesano Boscone aveva molestato quattro bambine, tra i 5 e i 9 anni, in un maneggio alle porte di Milano. Ieri è stato processato con rito abbreviato. L’accusa nei suoi confronti era di violenza sessuale aggravata. Lo svolgimento dell’udienza ha, però, sconcertato tutti. Da molti è stato considerato un vero scandalo.

Infatti, la pm, al termine della requisitoria che si è svolta davanti al gup, ha sorpreso i presenti: ha chiesto infatti di concedere all’imputato l’attenuante della “particolare tenuità del fatto”. Eppure nelle mani degli inquirenti sembra ci fossero elementi importanti per una pesante condanna. Invece la richiesta di un solo anno. Il che significa, neanche un giorno di carcere, con i benefici di legge.

Gli episodi erano avvenuti tra febbraio 2018 e novembre 2019, tutti all’interno di un centro ippico alle porte del capoluogo lombardo dove le ragazzine frequentavano un corso di equitazione. Stando all’indagine del pm Rossana Guareschi, che aveva chiesto il rinvio a giudizio, gli abusi sarebbero avvenuti nella selleria.

Il giovane, che frequentava il posto (che non si trova a Cesano ma in un altro comune della zona) perché proprietario di uno dei cavalli, le avrebbe prima spinte all’interno di questo luogo appartato del maneggio per molestarle, e brandendo un coltello, le avrebbe minacciate di ucciderle se avessero raccontato le violenze.

L’avvocato Solange Marchignoli, che difende gli interessi dei genitori di una delle bambine, ha sottolineato che “una richiesta così lieve da parte della Procura è un fatto gravissimo, così come considerare la particolare tenuità del fatto”.

La prossima udienza è prevista per il 21 marzo 2022. Quel giorno, il giudice Vincenza Maccora potrebbe emettere la sentenza, anche se la storia non dovrebbe concludersi lì. I genitori dei bambini, infatti, avrebbero anche presentato una denuncia nei confronti del titolare del maneggio perché “ha omesso le garanzie che sono doverose nei luoghi in cui i genitori portano i figli”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

Sbruzzi Birrificio Barba D'Oro INZOLI Officina Naviglio Sport Barcelo Viaggi Commercialista Livraghi
Sbruzzi Birrificio Barba D'Oro Commercialista Livraghi Naviglio Sport Auto Testori Sai Barcelo Viaggi