venerdì - 21 Gennaio 2022
HomeCronacaAggressioni di Capodanno in piazza Duomo: perquisite le abitazioni di 18 giovani...

Aggressioni di Capodanno in piazza Duomo: perquisite le abitazioni di 18 giovani a Milano e Torino

Sono stati identificati 15 ragazzi maggiorenni e 3 minorenni, di età compresa tra i 15 e i 21 anni, sia italiani che stranieri di origini nordafricane

milano-aggressioni-piazza-duomo
Nell’immagine, un fotogramma del video diffuso dalla polizia sulle perquisizioni a Milano e Torino

Agenti della polizia, coordinati da magistrati della Procura della Repubblica di Milano e del Procura Tribunale per i Minorenni di Milano, stanno compiendo a Milano e a Torino delle perquisizioni nelle abitazioni di 18 persone (guarda il video): sarebbero coinvolte nelle aggressioni a sfondo sessuale ai danni di alcune ragazze la notte di Capodanno in piazza Duomo a Milano.

Le indagini, avviate dopo la prima denuncia di due ragazze tedesche, hanno rivelato tre diversi episodi di violenza consumati quella notte ai danni di nove giovani presenti in piazza per i festeggiamenti. Gli investigatori hanno visionato le immagini dei sistemi di sorveglianza e ascoltato decine di testimoni, oltre che le stesse vittime.

Grazie anche al controllo di vari social network, hanno indentificato 15 ragazzi maggiorenni e 3 minorenni, di età compresa tra i 15 e i 21 anni, sia italiani che stranieri di origini nordafricane, che, a vario titolo, si ritiene abbiano partecipato ai raid di Capodanno.

Importante è stato il lavoro degli esperti della Polizia Scientifica che ha contribuito alle indagini con l’impiego di personale specializzato nell’utilizzo di software per il riconoscimento facciale. Per arrivare a identificare i componenti del branco, è stato utilizzato il sistema di tracciamento Sari che ha consentito di comparare i volti riconoscibili dalle telecamere stradali e di sicurezza con quelli recuperati sui social network.

Social su cui alcuni ragazzi avevano fatto commenti il giorno dopo le aggressioni. Incrociare le informazioni con il sistema di identificazione delle forze dell’ordine che cataloga i precedenti di polizia è stato il passo successivo. Tutto materiale, infatti, è stato confrontato con quello raccolto nei mesi scorsi da polizia e carabinieri sulle comitive che gravitano abitualmente nell’area attorno al Duomo di Milano e nelle zone limitrofe.

Gli investigatori, guidati da Marco Calì e coordinati dal procuratore aggiunto Letizia Mannella e dal pm Alessia Menegazzo, ipotizzano che in piazza quella sera abbiano agito più gruppi di giovani che dai quartieri periferici e da fuori Milano durante i fine settimana si riversano in centro. La dinamica è sempre la stessa: circondano le vittime trascinandole nella calca, strattonandole, rapinandole, molestandole. Dovranno rispondere di violenza sessuale di gruppo, rapina e lesioni aggravate.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

INZOLI Officina Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro topcarcusago Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Commercialista Livraghi
Commercialista Livraghi INZOLI Officina Naviglio Sport Los Locos Ristorante di pesce Voglia di Pizza e Panzerotti visionottica Crepaldi Birrificio barba d'oro Topcarcusago Auto Testori Sai Barcelo Viaggi