Home News Assago Sequestrati 230mila metri cubi di rifiuti, denunciato il titolare di un’azienda...

Sequestrati 230mila metri cubi di rifiuti, denunciato il titolare di un’azienda di stoccaggio

I carabinieri si sono trovati di fronte a una vera e propria montagna di rifiuti e a impianti privi delle necessarie autorizzazioni

0
Nella foto, la montagna di rifiuti terrosi trovata dai carabinieri della Forestale
Nella foto, la montagna di rifiuti terrosi sequestrata dai carabinieri della Forestale

Si trova nel cuore del Parco sud, al confine tra Milano e i comuni della prima cintura metropolitana, l’azienda sequestrata dai carabinieri della Forestale perché al suo interno sono stati trovati 230mila metri cubi di rifiuti terrosi e da demolizioni edili, di dubbia provenienza e ancor più dubbio smaltimento.

I carabinieri l’hanno scoperta durante un controllo di routine ordinato per verificare la corretta gestione dei rifiuti trattati. I militari si sono trovati di fronte a una vera e propria montagna di rifiuti da demolizione edilizia ed attività di scavo che, avrebbero dovuto essere indirizzati alla produzione di materiali recuperati, poi destinati ad impieghi in campo edilizio. E invece…

Durante le verifiche, la Forestale ha riscontrato una grossa differenza nella gestione del sito rispetto a quanto autorizzato dalla Città Metropolitana. I rifiuti trovati erano di quantità notevolmente superiore rispetto a quanto autorizzato, non erano differenziati, né l’azienda è stata in grado di assicurare la piena tracciabilità di tutto il materiale rinvenuto.

Così i 230mila metri cubi di rifiuti sono stati sequestrati. La stessa fine ha fatto un frantumatore mobile, in funzione senza autorizzazione, che immetteva materiali inquinanti in atmosfera senza la debita autorizzazione. Il sequestro, convalidato nei giorni scorsi dalla Procura della Repubblica di Milano, si è reso necessario per evitare che le fonti di prova fossero inquinate o disperse

Il titolare dell’azienda è stato denunciato per i reati di gestione illecita, deposito incontrollato di rifiuti, violazione delle prescrizioni ed immissioni in atmosfera non autorizzate.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version