Home Cronaca Truffe agli anziani: si presentava come un tecnico di Telecom e depredava...

Truffe agli anziani: si presentava come un tecnico di Telecom e depredava le sue vittime

Arrestato ieri da agenti della polizia un giovane nato in Italia ma di origini nordafricane

0

E’ uno dei reati più odiosi che si possano commettere. Per fortuna, a volte, c’è chi vi pone rimedio. Ieri, agenti della Polizia di Stato hanno arrestato un giovane nato in Italia ma di origine Nordafricana. Le accuse nei suoi confronti sono di furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito. L’uomo avrebbe truffato almeno 4 persone anziane, a Milano e nell’hinterland, ma i casi potrebbero essere molti di più.

L’arresto è arrivato alla fine di un’indagine, durata oltre un anno, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Milano, Eugenio Fusco, e condotta da  personale del Pool AntiTruffe, composto da elementi della Polizia di Stato, Polizia Locale e della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Milano.

L’indagine ha preso il via nel 2018 dopo la denuncia presentata dalla prima vittima, la quale aveva subito un furto all’interno della propria abitazione da parte di una persona che si era presentata come tecnico della A2A. Successivamente, l’arrestato avrebbe organizzato almeno altri tre colpi analoghi, sempre ai danni di persone anziane. In alcune occasioni si era presentato come tecnico della Telecom.

Lo schema era lo stesso: dopo aver carpito la fiducia della vittima, si impossessava di denaro e oggetti preziosi custoditi all’interno delle abitazioni delle sue vittime, ed almeno in un caso, si è impossessato anche del bancomat dei uno dei malcapitati, da cui è riuscito a prelevare un’ingente somma di denaro.

Le visite del “finto tecnico” erano sempre precedute da telefonate da parte di un “finto centralinista”, che ricontattava le vittime, per distrarle, non appena il complice faceva ingresso nel loro appartamento.Le indagini continuano per accertare quanti siano e dove sono avvenuti i colpi messi a segno dai due malviventi.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version