Seguici su Fb - Rss

Martedì, 12 Dicembre 2017 15:40
Il ricorso

Largo Risorgimento, la Corte di Appello sospende la sentenza di primo grado In evidenza

I giudici hanno accolto la richiesta del Comune di Trezzano di rinviare l’esecutività del provvedimento che gli imponeva di intervenire sul parcheggio in tempi brevissimi

I parcheggi di Piazza Risorgimento al centro del contenzioso Comune - residenti I parcheggi di Piazza Risorgimento al centro del contenzioso Comune - residenti

Si arricchisce di un nuovo atto la vicenda dei parcheggi “abusivi” realizzati dal Comune in Piazza Risorgimento a Trezzano. La Corte d’Appello di Milano, infatti ha sospeso l’ esecutività della sentenza di primo grado che condannava il municipio trezzanese ad eseguire in tempi brevissimi lavori di ripristino dell’area. I giudici hanno anche fissato una nuova udienza per disutere della vicenda: si terrà il 6 marzo 2018.

Primo grado

Lo scorso agosto, la Quarta sezione civile del Tribunale di Milano, aveva condannato il Comune per i danni provocati dai lavori per la realizzazione dei parcheggi di piazza Risorgimento e nel controviale di via Indipendenza. I giudici di primo grado avevano sottolineato che quei lavori erano stati realizzati dalle ditte appaltatrici in modo “negligente” e senza che tra comune e privati, proprietari di quelle aree, esista una regolare convenzione.

La penale

Il ripristino dell’area doveva avvenire entro e non oltre il 28 febbraio 2018 pena il pagamento di una penale di 2mila euro per ogni settimana di ritardo. Il Comune era stato anche condannato al pagamento dei danni nei confronti dei proprietari dei box, dei costi della perizia del consulente del tribunale, delle spese del giudizio. Nelle scorse settimane, era stato richiesto di sospenderne l’esecutività perché secondo i legali e i tecnici “impossibile per il Comune di Trezzano intervenire sul parcheggio nei tempi brevissimi richiesti dal giudice". Questa volta l'amministrazione ha segnato un punto a suo favore.

La nota

“La decisione della Corte d’Appello – ha dichiarato in una nota stampa il sindaco Fabio Bottero – conferma la correttezza del percorso intrapreso dal nostro Comune e ringrazio la nostra struttura e il legale incaricato per aver chiesto la sospensione dell’esecutività di una sentenza che riteniamo ingiusta oltre che impossibile per noi rispettare. Porteremo in Appello le nostre motivazioni, consapevoli di dover gestire un contenzioso ereditato di cui non abbiamo responsabilità”.

Seguiuci sulla nostra pagina Facebook

Pubblicità

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La verifica
Emissioni di polveri ferrose nell’aria, nuovo sopralluogo dei tecnici in Marchesina

Emissioni di polveri ferrose nell’aria, nuovo sopralluogo dei tecnici in Marchesina

Effettuato questa mattina una verifica all’interno della Perego spa, a Trezzano, per verificare il rispetto dell’ordinanza comunale notificata dopo l’allerta ambientale dei giorni scorsi

Attualità
Il caso del giorno
Trezzano, nuova allerta ambientale al quartiere Marchesina?

Trezzano, nuova allerta ambientale al quartiere Marchesina?

Secondo i tecnici Arpa, un’azienda che tratta materiali ferrosi della zona non ha un idoneo sistema di depurazione delle emissioni e nemmeno per il trattamento delle acque reflue

Attualità
La novità
Andare in ufficio con il proprio cane grazie al «Pets at work»

Andare in ufficio con il proprio cane grazie al «Pets at work»

Un’azienda di Assago permette ai propri dipendenti di lavorare quotidianamente, fianco a fianco del proprio animale da compagnia