Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 07 Dicembre 2017 16:35
Approvato il piano

Diritto allo Studio: Trezzano investe più risorse

Ci sono importanti interventi di sostegno a favore degli studenti svantaggiati e per l’ampliamento dell’offerta formativa

Ritorna in carico al Comune la competenza per l’assistenza scolastica ai 20 alunni residenti che frequentano le scuole superiori Ritorna in carico al Comune la competenza per l’assistenza scolastica ai 20 alunni residenti che frequentano le scuole superiori

Dopo le polemiche dei giorni scorsi (legate alla tardiva consegna di documenti utili a capire cio che si doveva votare) e il rinvio del Consiglio comunale per la mancanza del numero legale, l’assemblea cittadina ha approvato il piano di Diritto allo Studio 2017/2018 .

Il sostegno

Quali sono i punti qualificanti del piano? Importante il sostegno ai 96 studenti con disabilità, con 605 ore settimanali e un investimento complessivo di 368.456,67 euro (con un aumento di oltre 70 mila euro rispetto allo scorso anno). Con l’anno scolastico 2017/2018, inoltre, ritorna in carico al Comune la competenza per l’assistenza scolastica ai 20 alunni residenti che frequentano le scuole superiori.

Garantire progetti e servizi

“Nonostante il continuo diminuire delle risorse a disposizione – ha spiegato Leo Damiani, assessore all’Istruzione – abbiamo deciso di non ridurre per il 2018 l’investimento nella formazione, impegnandoci  per l’ampliamento dell’offerta formativa, destinando 50 mila euro a ciascuno dei due Istituti comprensivi per garantire loro progetti e servizi per le proprie scuole”.

Minori stranieri e scuola dell'obbligo

Non solo risorse per gli istituti comprensivi. Anche quest’anno ci saranno interventi a favore dell’inserimento scolastico dei minori stranieri nella scuola dell’obbligo (17mila euro per 32 alunni provenienti da 15 Paesi). Incentivata anche l’attività post scolastica di sostegno ai bambini più svantaggiati organizzata dagli insegnanti  della scuola  primaria Boschetto.  

La lista della spesa

Importanti, almeno sulla carta, gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria: nel 2017 l’Amministrazione comunale ha finanziato interventi ordinari per quasi 82 mila euro e straordinari per circa 113 mila euro (pellicole solari e rifacimento pavimento alla scuola dell’infanzia Rimembranze; nuove aule e nuovo impianto antincendio alla media Cuciniello dove è stata realizzata anche la nuova pavimentazione della palestra; nuovo impianti antincendio per la scuola dell’infanzia Verdi). A questi lavori va aggiungo l’ampliamento del refettorio della scuola primaria Boschetto, realizzato in estate e finanziato dall’azienda che gestisce l’appalto di ristorazione scolastica. Per il 2018, infine, sono in programma i lavori di bonifica e rifacimento della copertura della primaria Manzoni (2° lotto) per un valore di circa 131 mila euro.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Pubblicità

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Ambiente & Territorio
Trezzano accoglie i suoi neonati piantumando nuovi alberi

Trezzano accoglie i suoi neonati piantumando nuovi alberi

L’appuntamento è per domenica alle 15.30 nell’area verde di Via Cavour. La città celebra la messa a dimora di nuove piante dedicate ai neonati, unendo alla gioia per la vita l’impegno ambientale

Attualità
il meeting
La passione per i motori si dà appuntamento al Fiordaliso

La passione per i motori si dà appuntamento al Fiordaliso

Centinaia di giovani si ritrovano ogni martedì sera nel parcheggio del centro commerciale a discutere di auto e di motori. Ieri, a fianco di un’Alphine Renault blu, si è sognato con una Lotus gialla, oppure con una Peugeot 208 con le portiere che si aprono verso l’alto

Attualità
Emergenza lavoro
Trezzano perde un’altra grande azienda

Trezzano perde un’altra grande azienda

La Vetropack, leader nell’industria europea dei contenitori in vetro, si trasferirà a Boffalora sopra Ticino entro i prossimi due anni. I posti di lavoro saranno trasferiti