Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 12 Ottobre 2017 14:31
Lo scontro

Dipendenti comunali, siamo al muro contro muro

In una nota diffusa ieri, i rappresentanti sindacali hanno rigettato al mittente i contenuti della lettera aperta del sindaco di Trezzano e posto una serie di domande

Nella foto una manifestazione sindacale a difesa dei dipendenti pubblici Nella foto una manifestazione sindacale a difesa dei dipendenti pubblici

C’è poco da fare. Ormai siamo al muro contro muro, tra dipendenti comunali e amministrazione di Trezzano sul Naviglio. Dopo l’interruzione del tentativo di conciliazione fatto dal Prefetto di Milano e la lettera aperta scritta da Bottero ai lavoratori, è arrivata la risposta dei sindacati.

Rigettato al mittente

In una nota diffusa l’altro giorno, infatti, i rappresentanti delle Rsu hanno rigettato al mittente i contenuti della lettera aperta del sindaco e posto una serie di domande. A cominciare da: “Se, come sostiene fin dal suo insediamento si sente cosi vicino a noi lavoratori, perché si è sottratto sistematicamente al confronto? Non ritiene sarebbe stata un'azione in favore dei dipendenti un incontro aperto e trasparente in cui spiegare a voce la "sua riorganizzazione", sostenendo che questa avrebbe portato solo dei benefici?

Sensazioni negative

“Lei – continuano i rappresentanti dei lavoratori  - sostiene di aver avviato un percorso di azioni intraprese a favore dei dipendenti, e fin qui nulla da recriminare, peccato però che, molto realisticamente, non è questa la sensazione che se ne percepisce tra la maggioranza di noi”.  I sindacalisti poi puntano l’indice contro il segretario comunale, “fautore di questa Riorganizzazione, portata avanti malgrado le mille critiche, sempre sordo ai rilievi e alle critiche”. "Perché – domandano - proprio ora si dimette per andare in un altro Comune? Come é possibile che, dopo tanto impegno, non raccolga e non goda dei frutti del suo grande lavoro?"

Tutti penalizzati

Nella nota, si sottolinea come la lettera del sindaco ai dipendenti contenga delle irregolarità anche nella parte contabile. E si ricorda che le assunzioni fatte nell'ultimo periodo andranno a beneficiare del vecchio fondo ma, senza aver aggiunto la quota di integrazione di ogni assunzione, ci sarà una penalizzazione nell'erogazione del fondo 2017 nel 2018. Lo scontro è sia sotto il profilo economico, sia sotto quello normativo. Nel documento si mette in rilievo anche come il  “minore finanziamento solo nella indennità di particolare responsabilità, stando a quanto dichiarato dal sindaco, dovrebbe portare beneficio a tutti i lavoratori, ma così sarebbe stato se la riorganizzazione fosse stata effettiva, efficace e migliorativa e non frutto di un semplice calcolo matematico per far quadrare i conti”.

Trattativa chiusa

Per proseguire nella contrattazione in modo trasparente, i dipendenti hanno “pensato di rinunciare alla indennità di responsabilità a beneficio di tutti, ma la chiusura delle trattative non ha lasciato spazio a soluzioni diverse da quelle intraprese”. E cioè: stato di agitazione perenne del personale, blocco degli straordinari, sciopero (data e modalità da decidere).

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Lo studio
Humanitas: scoperto il meccanismo che “risveglia” le difese immunitarie contro il cancro

Humanitas: scoperto il meccanismo che “risveglia” le difese immunitarie contro il cancro

A Rozzano compiuto un primo importante passo per generare in laboratorio cellule 'armate' in grado di migliorare la risposta ai tumori

Attualità
L'ordinanza confermata
Cesano, chiusura dei locali pubblici: il Tar dà ragione al Comune

Cesano, chiusura dei locali pubblici: il Tar dà ragione al Comune

I giudici amministrativi confermano il provvedimento adottato lo scorso luglio e respingono la richiesta di sospensiva  

Attualità
Fine di una storia
Ultime ore di vita dell'IperDì di Trezzano, tra chiusura e speranze dei lavoratori

Ultime ore di vita dell'IperDì di Trezzano, tra chiusura e speranze dei lavoratori

Nel supermercato di via Colombo non c'è più niente da vendere. Trentanove dipendenti in bilico e le voci del passaggio a un gruppo concorrente