Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 12 Febbraio 2020 14:39
Lo scontro

Trezzano, le opposizioni protestano e abbandonano l’aula del Consiglio comunale

Chiesto l’intervento del Prefetto per verificare i comportamenti di “una maggioranza arrogante che da un lato chiede collaborazione, dall’altro boccia sistematicamente ogni proposta, ogni idea che proviene dalla minoranza”

Nella foto, da sx Villa Zina del M5s e il sindaco Fabio Bottero Nella foto, da sx Villa Zina del M5s e il sindaco Fabio Bottero

Ormai è un muro contro muro quello che si sta verificando all’interno del Consiglio comunale di Trezzano, dove per la seconda volta consecutiva, le opposizioni hanno abbandonato l’aula per protestare contro i comportamenti di “una maggioranza arrogante che da un lato chiede collaborazione, dall’altro boccia sistematicamente ogni proposta, ogni idea che proviene dalla minoranza”.

Chi copia chi

In un documento sottoscritto da Ivano Padovani, Villa Zina, Giuseppe Russomanno e Giorgio Ghilardi, si sottolinea come in Consiglio “troppo spesso si tollerano contestazioni ed offese gratuite e questo non giova al dibattito, nessun rispetto viene prestato al lavoro delle minoranze, anzi spesso si sollevano pretesti per non procedere all’approvazione” E come se non bastasse “non di rado, interventi proposti da alcuni gruppi di minoranza, vengono anticipati con proposte parallele simili pur di non condividere, magari emendato, un loro documento”. Come ha detto Villa Zina del M5s: “Copiano le nostre proposte e le presentano come se fossero le loro”.

Sponsorizzato da:

Clima gravemente compromesso

In un altro passaggio si spiega che “L’esperienza politica e l’arroganza dell’attuale maggioranza non ci fanno ben sperare in un possibile cambiamento, per questo siamo preoccupati e vogliamo sottolineare questo nostro disagio abbandonando l’aula in segno di protesta, non prima però di aver chiesto il rinvio di tutte le proposte presentate dalla minoranza ad un prossimo consiglio Comunale, sperando che nel frattempo, il Presidente del Consiglio si faccia carico di convocare i capigruppo per ripristinare un clima democratico di confronto che secondo noi in questo momento è gravemente compromesso”.

Il Prefetto

I quattro rappresentanti delle liste di minoranza hanno scritto una lettera al Prefetto di Milano e gli hanno chiesto di intervenire affinché sia ripristinato il rispetto del ruolo della opposizione “che vuole essere stimolo per il miglioramento del confronto e non certo da ostacolo, è evidente però che con questo clima la serenità è compromessa e il confronto troppo aspro per produrre buoni frutti”.

Fulmine a ciel sereno

Interpellato da pocketnews.it, il sindaco di Trezzano, Fabio Bottero, ha definito l’abbandono dell’aula consiliare da parte della opposizione “un fulmine a ciel sereno”. “Certo – ha riconosciuto – abbiamo commesso un errore sulla proposta della commissione antimafia, ma come lo stesso Albini ha ammesso si è trattato di un errore in buona fede”.

Pretesti

“Quelli dei partiti di minoranza – ha concluso il sindaco – sono pretesti per mascherare la loro mancanza di idee. Sono venuti in Consiglio comunale con un documento sul loro abbandono precompilato. Non sapevano cosa sarebbe successo, sapevano che avrebbero lasciato l’aula, quando avremmo cominciato a discutere su questioni che loro stessi avevano proposto”.

Chi sbaglia e cosa

La “querelle” rischia di protrarsi all’infinito. L’auspicio è che il Prefetto o chi per lui, analizzati i fatti dia indicazioni su quali comportamenti sono sbagliati e quali quelli corretti. Altrimenti non se ne esce più.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

  • Link al commento stefano Mercoledì, 12 Febbraio 2020 15:50 inviato da stefano

    Certo che avete un bel coraggio!!! Naturalmente parlo e scrivo a nome del MoVimento 5 Stelle e non degli altri componenti la minoranza. Considerata l'affermazione del Vostro comunicato nella quale si dice ".. denota il vuoto totale di idee e proposte concrete per la comunità trezzanese..", vorrei puntualizzare che il M5S di Trezzano in questi mesi ha presentato 12 mozioni, 3 interrogazioni, 3 interpellanze e 3 emendamenti. (comprese quelle non discusse in quest'ultimo consiglio comunale). Nello specifico MOZIONI: 1 polveri ferrose, 2 Emergenza climatica (copiata dalla maggioranza quelli che di idee ne hanno tante), 3 Mozione su delibera 104 presentata congiuntamente agli altri componenti della minoranza), 4 Piante mangia smog, 5 Assessorato alla gentilezza, 6 Commissione Antimafia (copiata ance questa dalla maggioranza), 7 Viabilità zona Boschetto, 8 posizionamento ecocompattatori, 9 Solidarietà a Julian Assange per la libertà di stampa, 10 Reddito di cittadinanza, 11 Giochi inclusivi parco del centenario, 12 Cittadinanza onoraria a Nicola Gratteri. INTERROGAZIONI: vigilanza servizi ai minori, 2 Fototrappole, 3 Servizio Trasporto urbano, 4Dissuasori velocità Via Ttreves. INTERPELLANZE: 1 Delibera 104, 2 Inosservanze AMSA, 3 Polveri ferrose. EMENDAMENTI: Md. art. 4 protocollo manutenzione ordinaria scuole, 2 Variazione bilancio per trasporto extraurbano, 3 variazione bilancio per piantumazioni siepi nuova Vigevanese. Detto questo consiglio prima di parlare e dire inesattezze di informarsi meglio! E poi giusto per capire meglio, quali sono state sino ad ora le proposte della maggioranza? Perchè al momento abbiamo: 1 polveri ferrose ancora nell'aria. 2 strade e marciapiedi con buche ovunque, 3 Abbiamo subito per mesi senza che a voi importasse qualcosa le inadempienze AMSA, 4 Abbiamo il cimitero di via Fucini ancora in uno stato pietoso, 5 nessun controllo del territorio, ecc ecc. Quindi, parlare tanto per parlare che senso ha?
    Stefano Mortari MoVimento 5 Stelle - Trezzano sul Naviglio

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
L'attacco
Corsico 2020, Di Capua rimette nel mirino l’ex sindaco Errante

Corsico 2020, Di Capua rimette nel mirino l’ex sindaco Errante

Inviata al Commissario prefettizio una richiesta di informazioni (un esposto per motivi sanitari e viabilistici) su una manifestazione che ha visto come protagonista il candidato del centrodestra

Politica
Ricambi
Rozzano, il leghista Giorgio Gozzalo si dimette dal Consiglio comunale

Rozzano, il leghista Giorgio Gozzalo si dimette dal Consiglio comunale

Sarà sostituito da Marco Radaelli, mentre Massimo Bordoni, primo dei non eletti, ha rinunciato all’incarico

Politica
Elezioni & dintorni
Amministrative 2020: Errante rompe gli indugi e si ricandida alla guida del centrodestra

Amministrative 2020: Errante rompe gli indugi e si ricandida alla guida del centrodestra

Lega e Fratelli d’Italia, insieme alla lista civica Corsico ideale - Errante Sindaco, ufficializzano la riconferma dell’ex sindaco, per le prossime elezioni per la carica di primo cittadino. Fuori dai giochi, per il momento Forza Italia