Seguici su Fb - Rss

Martedì, 02 Luglio 2019 17:10
L'appuntamento

Sarà dedicato a Leonardo da Vinci il Treciano Medioevo Festival 2019

Il genio fiorentino contribuì alla  realizzazione di tre ponti praticamente identici: Milano, Corsico e Trezzano; demolito quello di Corsico restano oggi da ammirare i gemelli di Trezzano e Milano

Nella foto, ilgruppo Musici e Alfieri dell'Onda Sforzesca, fatta durante una scorsa edizione dell'evento di Trezzano Nella foto, ilgruppo Musici e Alfieri dell'Onda Sforzesca, fatta durante una scorsa edizione dell'evento di Trezzano

La quarta edizione del Treciano Medioevo Festival sarà dedicata alla ricorrenza dei 500 anni trascorsi dalla morte di Leonardo Da Vinci e rappresenterà l’asse portante del 49° Autunno Trezzanese. Lo hanno reso noto ieri pomeriggio con un comunicato gli organizzatori. Si svolgerà nell’arco di due giornate (14 e 15 Settembre).

Il rapace

Tante le novità di questa edizione. Tra le numerose iniziative da segnalare per sabato 14 Settembre, la presentazione teatralizzata e in costume medievale del libro “Il rapace”, in collaborazione con la Biblioteca “O. Bego”. La tradizionale cena medioevale, con delitto, (rigorosamente in costume), che si svolgerà di fronte alla chiesa di Sant’Ambrogio (per prenotazioni ed informazioni contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure tel. 339 6105826), sarà dedicata a Gian Galeazzo Sforza. In chiusura di giornata lo spettacolo di falconeria.

Il Palio delle contrade

Ancora più corposo il programma di domenica 15. Nel corso della mattinata, oltre allo spettacolo degli sbandieratori del Rione San Silvestro (AT) e a quello dei falconieri, si svolgeranno anche due prime edizioni: il Palio delle contrade che coinvolgerà i comitati di quartiere e proporrà un singolar tenzone tra cavalieri armati che si sfideranno per ottenere un bacio della loro dama e una spettacolare partita a scacchi con dame cavalieri viventi caratterizzata dalla partecipazione di ragazzi e ragazze delle scuole trezzanesi.

Il ponte gobbo

L’edizione 2019 del Treciano Medioevo festival non poteva non prendere in considerazione quel Leonardo Da Vinci che nel corso della sua permanenza a Milano non si limitò a studiare e migliorare il sistema delle chiuse ma diede vita, con architetti e ingegneri, anche a numerosi progetti e realizzazioni sul Naviglio Grande. Progetti e interventi che si conclusero con la realizzazione di tre ponti praticamente identici: Milano, Corsico e Trezzano; demolito quello di Corsico restano oggi da ammirare i gemelli di Trezzano e Milano.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzato da:

 

1 commento

  • Link al commento Antonio Cirrincione Martedì, 02 Luglio 2019 20:54 inviato da Antonio Cirrincione

    Cominciamo a fare pubblicità fin da adesso.Per la organizzazione occorrerebbe avere un numero di telefono per la partecipazione dei più volenterosi.Si potrebbe organizzare un Corteo storico per le vie del Paese e spettacoli per adulti e bambini per avere un coinvolgimento delle famiglie..

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cultura
La novità
Cinema: diventerà un film “Febbre” il libro del rozzanese Bazzi

Cinema: diventerà un film “Febbre” il libro del rozzanese Bazzi

La Cross productions ha acquisito i diritti cinematografici sull’opera rimasta a lungo in gara per il premio Strega…

Cultura
Buone notizie
Rozzano, la “Febbre” di Jonathan Bazzi in corsa per il premio Strega

Rozzano, la “Febbre” di Jonathan Bazzi in corsa per il premio Strega

L’autore di origini rozzanesi selezionato per la fase finale del più importante concorso letterario italiano

Cultura
Il caso del giorno
Jonathan Bazzi, il mondo visto da Rozzano

Jonathan Bazzi, il mondo visto da Rozzano

Crescere da "diverso" nella città alla periferia sud di Milano: è l’ispirazione di “Febbre”, opera prima dello scrittore che ha appena vinto il premio Bagutta. “Torno spesso, qui è rimasto quasi tutto come prima”