Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 11 Aprile 2019 12:19
Ambiente & Territorio

Trezzano, scoppia la guerra dello striscione

Con un’ordinanza eseguita dalla polizia locale, è stato rimosso perché sarebbe fonte di “turbativa e allarmismo sociale per la salute pubblica”. “Altro che turbativa” è la replica “qui in gioco c’è la salute dei residenti”

Il cielo terso di Trezzano, secondo l'Arpa conterrebbe dei veleni pericolosi Il cielo terso di Trezzano, secondo l'Arpa conterrebbe dei veleni pericolosi

C’era da aspettarselo. Ed è successo. Con l’avvicinarsi dell’appuntamento elettorale i toni si alzano e il confronto si fa sempre più duro. Più che confronto è uno scontro quello tra il coordinamento dei comitati di quartiere e il sindaco Fabio Bottero. Oggetto del contendere uno striscione fatto installare in via Indipendenza sui livelli di inquinamento atmosferico di Trezzano.

La causa

Con un’ordinanza eseguita dalla polizia locale, lo striscione è stato rimosso perché secondo l'amministrazione comunale, sarebbe fonte di “turbativa e allarmismo sociale per la salute pubblica”. Questo naturalmente ha provocato la reazione dei suoi firmatari. Che sono partiti all’attacco.

La reazione

In un documento diffuso subito dopo il “fattaccio” hanno prima sottolineato “come è possibile far rimuovere uno striscione regolarmente esposto dall’agenzia preposta e per di più utilizzando come motivazione “Fonte di turbativa e allarmismo sociale per la salute pubblica” con l’aggiunta, per eccesso di carineria, di altre affermazioni tra le quali brillano per la loro compostezza quelle“di chiaro fine propagandistico”,  “terrorismo psicologico” e “fini elettorali” .

Dati Arpa

Poi hanno affondato il colpo riportando il contenuto di una relazione dell’Arpa, l’agenzia regionale che dovrebbe tutelare la salute pubblica, secondo il qualei  valori di NO2, il biossido di azoto, gas altamente tossico, a Trezzano è ben al di sopra della soglia massima prevista dalla legge Italiana.

Nel grafico realizzato da Arpa e diffuso dal coordinamento dei comitati di quartiere, i pallini azzurri rappresentano le 56 centraline fisse collocate da Arpa in Lombardia. Il pallino rosso rappresenta il risultato del doppio monitoraggio effettuato a Trezzano. La linea tratteggiata rossa rappresenta la soglia massima prevista dalla legge italiana.

Gas killer

Il Biossido di azoto è un gas irritante per l'apparato respiratorio e per gli occhi che può causare bronchiti fino anche a edemi polmonari e decesso. Contribuisce alla formazione dello smog fotochimico, e contribuisce, trasformandosi in acido nitrico, al fenomeno delle "piogge acide".

Senza argomenti?

I risultati dei monitoraggi effettuati a Trezzano sono stati pubblicati da quotidiani, settimanali, periodici, giornali on line e pubblicizzati dall’Unione dei Comitati attraverso volantini e manifesti. "Quindi? – si sono chiesti i responsabili dei comitati -  Dove sta la novità da “terrorismo psicologico”? Forse nella debolezza di chi non avendo argomenti da utilizzare arriva ad offendere e insultare”.

La posizione del comune

Anche il comune, da parte sua ha diffuso un comunicato stampa in cui, senza entrare nel merito dei dati riportati sullo striscione haribadito che “Si trattava di uno striscione dai contenuti allarmistici  con un chiaro fine propagandistico. Il problema dell’inquinamento a Trezzano, come nel resto della pianura lombarda, va affrontato in modo serio, non con comportamenti e azioni irresponsabili che hanno l’unico scopo di screditare chi governa e fare terrorismo psicologico”.  “L’Amministrazione – conclude il comunicato – non ha nulla contro i comitati cittadini, ma non può tollerare che siano manovrati per fini elettorali e siano passibili di procurato allarme”.

Una questione sanitaria

Ma quale “procurato allarme” è la replica. “Noi stiamo dalla parte dei cittadini e della loro salute e nessuno può tapparci la bocca quando, senza insultare, riportiamo dei dati di fatto e cerchiamo in tutti i modi di muovere l’inerzia dei pubblici amministratori su problemi che riguardano non solo la vita ma anche la morte di esseri umani. Se poi, a fronte delle nostre sollecitazioni i pubblici amministratori non assumono i necessari provvedimenti saranno gli abitanti a giudicare”. Lo scontro, se ne può stare certi, continua.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La scomparsa
Corsico piange Manuel Frattini, il re del Musical morto sabato

Corsico piange Manuel Frattini, il re del Musical morto sabato

Da domani, sarà allestita al teatro della Luna di Assago, la camera ardente. Il funerale sarà celebrato nella chiesa dei santi Pietro e Paolo di via Cavour, a Corsico, giovedi alle 15

Attualità
La scomparsa
E’ morto Manuel Frattini, il divo italiano del musical: era di Corsico

E’ morto Manuel Frattini, il divo italiano del musical: era di Corsico

L'artista, nato 54 anni fa, si trovava a Milano per fare quello che più amava nella vita: la spettacolo

Attualità
La polemica
Il Consiglio approva la mensa gratis, il Pd solleva una montagna di dubbi

Il Consiglio approva la mensa gratis, il Pd solleva una montagna di dubbi

Democratici e Lista Agogliati non partecipano alla votazione e diffondono un comunicato stampa con il quale ne sottolineano i motivi