Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 19 Gennaio 2017 12:22
Una serata e un libro

“La Battaglia dei pedali”, appuntamento per non dimenticare In evidenza

Trezzano celebra la Giornata della Memoria sabato 28 gennaio alle 21 all’interno del Centro Socio Culturale di via Manzoni con la rappresentazione dello spettacolo “La Battaglia dei Pedali - quando Gino Bartali corse e salvò gli ebrei”

L'ingresso del campo di concentramento di Auschwitz liberato dall'Armata Rossa il 27 gennaio 1945 L'ingresso del campo di concentramento di Auschwitz liberato dall'Armata Rossa il 27 gennaio 1945

Una serata dedicata alla commemorazione delle vittime dell’Olocausto. É quella dedicata dal Comune di Trezzano alla “Giornata della Memoria”, una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno. Perché il 27 gennaio? Perché in quel giorno del 1945, le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. E perché Gino Bartali? Ciclista di fama mondiale, Gino Bartali è stato elevato, nel settembre del 2013, come uomo “Giusto tra le Nazioni” per aver salvato ottocento ebrei dalla deportazione nei lager. “Ginettaccio”, come era affettuosamente chiamato, vinse tra le altre cose, tre giri d’Italia (nel 1936, 1937 e 1946) e due “Tour de France” (nel 1938 e nel 1948). Lo spettacolo è realizzato dal centro di Produzione Teatrale “La Piccionaia”.

Vita, testimonianze e fotografie dai ghetti”

Venerdì 20 Gennaio alle ore 21, invece, al Punto Expo di via Vittorio Veneto, la Pro Loco e la sezione l’A.N.P.I. “Vera Nardini” presentano “Vita, testimonianze e fotografie dai ghetti”, relatrice Dott.ssa Elisabeth Scarpa.
Sempre la sezione A.N.P.I. “Vera Nardini” di Trezzano sul Naviglio organizza il tradizionale “Viaggio della Memoria” che bel 2017, si terrà nei giorni 3, 4 e 5 marzo, destinazione Croazia, dove si visiterà il campo di sterminio e concentramento di Jasenovac, con soggiorno a Zagabria, capitale della Croazia e visita a Trieste.

Una lettura che faccia ricordare e riflettere

Infine, per chi invece volesse una lettura che ricordi e faccia riflettere ecco un libro consigliato dalla nostra redazione: YISRA'EL di Michele d’Arcangelo. Ci sono le storie struggenti di uomini e donne, di bambini e bambine, di giovani che hanno visto i propri sogni svanire, dissolversi all’interno di una camera a gas in un campo di concentramento, oppure dilaniati da un proiettile, o spazzati via dalla bomba di un kamikaze in un tranquillo pomeriggio a Gerusalemme. Scarica il libro

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cultura
Il caso del giorno
Jonathan Bazzi, il mondo visto da Rozzano

Jonathan Bazzi, il mondo visto da Rozzano

Crescere da "diverso" nella città alla periferia sud di Milano: è l’ispirazione di “Febbre”, opera prima dello scrittore che ha appena vinto il premio Bagutta. “Torno spesso, qui è rimasto quasi tutto come prima”

Cultura
Il personaggio
Il premio Bagutta giovani al rozzanese Jonathan Bazzi e alla sua “Febbre”

Il premio Bagutta giovani al rozzanese Jonathan Bazzi e alla sua “Febbre”

L’autore racconta gli anni vissuti a Rozzano, un'esistenza difficile, tra la durezza della periferia, la scoperta dell'omosessualità e l'irrompere dell'Hiv

Cultura
Spettacolo sul ghiaccio
Assago, in arrivo “Frozen” con tutta la magia del film Disney

Assago, in arrivo “Frozen” con tutta la magia del film Disney

Lo spettacolo sul ghiaccio andrà in scena al Mediolanum Forum di Assago dal 23 al 26 gennaio, un’occasione  per rivivere una delle storie più emozionanti dedicate ai bambini