Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 21 Febbraio 2019 10:30
Il caso del giorno

Due ragazzini importunati sessualmente, è caccia ai molestatori In evidenza

Una ragazza di 14 anni e un ragazzo di 15 sarebbero stati importunati. La prima ha sporto denuncia, sul secondo episodio si cercano testimonianze che confermino quanto rivelato

Sono due gli episodi di presunte molestie sessuali su cui stanno indagando i carabinieri Sono due gli episodi di presunte molestie sessuali su cui stanno indagando i carabinieri

Il primo episodio è accaduto a Cesano, il secondo a Trezzano. Le modalità sembrano essere molto simili: qualcuno che chiede gentilmente informazioni e dopo averle ricevute cambia atteggiamento e diventa molesto sino a richiedere di fare sesso. Entrambe le vittime sono riuscite a scappare e a lanciare l’allarme.

Il pretesto

A Cesano, una quattordicenne appena uscita dalla scuola, frequenta il Falcone-Righi, stava rientrando a casa. Percorse poche centinaia di metri è stata avvicinata da un uomo che, accostata l’auto al marciapiede, le ha chiesto indicazioni su una via. Era un pretesto. Una volta che la ragazzina si è avvicinata, lo sconosciuto l’avrebbe afferrata per il polso e cominciato a tirarla verso l’auto.

La fuga

Lei però, resasi conto di quel che stava accadendo, ha reagito. È riuscita a  liberarsi  e ha cominciato a correre mentre il suo aggressore è risalito in auto e si è allontanato verso la nuova Vigevanese. Una volta a casa, ha raccontato tutto ai suoi genitori che hanno presentato denuncia ai carabinieri. Non solo. Sui social è partito il tam tam (il papà è un membro dei comitati di sorveglianza di quartiere) per tentare di individuare l’aggressore.  Si tratterebbe di uno straniero alto circa un metro e ottanta, di carnagione olivastra.

Un ragazzo con la testa a posto

Sul secondo episodio ci sono ancora molti dubbi. È stato diffuso da un post pubblicato su diversi gruppi social da D.Z. Il suo autore è considerato, da chi lo conosce, “uno con la testa a posto”, non un mitomane o un millantatore. Al comando dei carabinieri di Corsico, al momento di pubblicare questo articolo, non è ancora arrivata alcuna segnalazione. Però, le similitudini con ciò che è accaduto a Cesano sono molte.

Il piazzale della stazione

Qui lo scenario è nei dintorni della stazione di Trezzano. Ieri pomeriggio, un ragazzo quindicenne stava andando a prendere un treno. La sua destinazione era Cesano Boscone dove frequenta il team di ginnastica acrobatica (la Asd E.co). Sul piazzale sarebbe stato avvicinato da un uomo che gli avrebbe chiesto indicazioni e una volta ricevutele avrebbe cominciato a molestarlo chiedendogli di praticargli del sesso orale. Alla risposta negativa il malvivente avrebbe cominciato a urlare.

L'appello

Alle urla avrebbe aggiunto anche la richiesta di soldi, minacciando di non aver niente da perdere perché  già recluso al Beccaria per 2 anni. Anche in questo caso si tratterebbe di un uomo molto alto, con una corporatura robusta. Il post si conclude con un appello alla ricerca del molestatore per “aiutare me e tutti i miei coetanei a stare tranquilli per la nostra cittadina, perché non è possibile, che a 15 anni si abbia paura pure di uscire di casa”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Troppo alcool
Trezzano: rissa tra parenti alla prima comunione di una bambina

Trezzano: rissa tra parenti alla prima comunione di una bambina

Prima volano parole e parolacce, poi arrivano schiaffi e spintoni alla festa organizzata in un locale di via Sala all’angolo con via Verdi

Cronaca
L'operazione
Mafia, il caffè del boss: svelati affari del clan Fontana tra Rozzano e Palermo

Mafia, il caffè del boss: svelati affari del clan Fontana tra Rozzano e Palermo

Arrestata Rita Fontana, la figlia trentenne di Stefano, il boss palermitano morto nel 2012 e altri cinque malviventi, compreso il fratello Giovanni

Cronaca
La scoperta
Frodi alimentari, a Rozzano uno dei covi della banda sgominata dalla Guardia di Finanza

Frodi alimentari, a Rozzano uno dei covi della banda sgominata dalla Guardia di Finanza

 Sequestrate oltre 20 tonnellate di alimenti, oltre ai macchinari e alle attrezzature industriali utilizzate per la lavorazione, una parte delle quali si trovava in due capannoni