Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 12 Ottobre 2018 12:38
Lotta alla microcriminalità

Scappano all’alt e speronano l’auto dei carabinieri: arrestati a Trezzano due nomadi In evidenza

Un abitante del quartiere ha notato due giovani rom mentre stavano rubando in una casa, li ha seguiti e ha fornito ai carabinieri le indicazioni. Alla vista dei militari è scattato l’inseguimento

nella foto di Andrea Braghieri (tratta da Facebook) il luogo dove è finito l'inseguimento, in via Turati a Trezzano nella foto di Andrea Braghieri (tratta da Facebook) il luogo dove è finito l'inseguimento, in via Turati a Trezzano

La notizia è stata lanciata e rilanciata da tutte le agenzie di stampa: due rom del campo nomadi di Muggiano, a Milano, sono stati arrestati dai carabinieri dopo aver speronato l’auto dei militari nel corso di un inseguimento avvenuto a Trezzano. Si tratta di un uomo di 38 anni e di un ragazzo di 17, entrambi nullafacenti e residenti nel campo nomadi di Muggiano.L’accusa? Furto aggravato, violenza e resistenza pubblico ufficiale, oltre a danneggiamento di veicolo militare.

In via Verdi

Secondo la ricostruzione diffusa dai carabinieri, ieri pomeriggio, i militari sono intervenuti in via Verdi su segnalazione di un residente della zona, che confina con Cusago, che aveva ha notato i due mentre commettevano un furto in una casa vicino alla sua.  L'uomo si è immediatamente messo alle loro costole e nel frattempo ha allertato i carabinieri che hanno individuato i due ladri mentre tentavano di scappare in macchina, una Skoda intestata a un prestanome, una donna che secondo una segnalazione dovrebbe vivere nel campo nomadi di Asti. Sull'auto c'era un terzo uomo: il pilota.

La fuga

Così è cominciato un inseguimento che si è concluso in via Turati dove i militari hanno tentato di bloccarli posizionando l'auto di servizio di traverso, per tagliare loro la strada. La corsa è finita davanti alla Carrozzeria Futura 3000, al numero 38. Invece di fermarsi all'alt dei militari, i ladri hanno speronato prima l’auto di un residente, poi quella dei carabinieri. I tre hanno tentato di fuggire a piedi, due sono stati bloccati e arrestati dopo pochi minuti per furto aggravato in abitazione, uso distintivi in uso alle forze di polizia e resistenza a pubblico ufficiale, il terzo (il pilota) è riuscito a far perdere le proprie tracce.

Le indagini

Le successive indagini hanno permesso di scoprire che i tre nomadi avevano appena commesso più di un furto nelle abitazioni di via Giordano Bruno e dintorni. La loro perquisizione e quella dell'auto utilizzata per la tentata fuga ha permesso di ritrovare refurtiva composta da monili d’oro e borse firmate, palette di segnalazione della polizia, lampeggiante in uso alle forze dell’ordine, due radio portatili con un foglio su cui erano indicate le frequenze delle radio di polizia e carabinieri, oltre a tutto l’armamentario usato per scassinare porte e finestre d’appartamenti. Il più grande dei due arrestati è stato rinchiuso in una cella di sicurezza in attesa del processo per direttissima e subito dopo è stato trasferito a San Vittore, il più giovane è stato accompagnato al Beccaria.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
La tragedia
Incidente sotto il ponte della Vigevanese, ecco gli aggiornamenti

Incidente sotto il ponte della Vigevanese, ecco gli aggiornamenti

Buone notizie dagli ospedali: due sedicenni rimasti feriti gravemente, sono passati dal codice rosso al codice giallo

Cronaca
La tragedia
Tre ragazzi in fin di vita, investiti da un suv sulla nuova Vigevanese

Tre ragazzi in fin di vita, investiti da un suv sulla nuova Vigevanese

L’incidente è avvenuto sotto il ponte di viale Liberazione che attraversa la provinciale, a Corsico

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Scippa la borsa a una 80enne, in manette pregiudicato rumeno

Scippa la borsa a una 80enne, in manette pregiudicato rumeno

La donna stava trascorrendo la mattinata nel centro commerciale di Miliano Fiori alla ricerca dei regali di Natale per i propri figli e nipoti