Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 19 Luglio 2018 10:36
Lotta alla microcriminalità

Due rumeni tentano un furto in un’azienda, i carabinieri li sorprendono con le mani nella cassaforte

I militari hanno sorpreso M.F di 36 anni e P.L di 32, mentre tentavano di asportare il contenuto di alcuni forzieri

I carabinieri del nucleo radiomobile, su segnalazione di alcuni residenti, sono entrati all’interno della Icim spa I carabinieri del nucleo radiomobile, su segnalazione di alcuni residenti, sono entrati all’interno della Icim spa

Entrambi hanno precedenti penali, sono nullafacenti e senza fissa dimora. Più che nullafacenti, la loro attività e quella del furto. I carabinieri li hanno presi con le mani nel sacco, anzi nella cassaforte. È accaduto questa notte a Trezzano, quando i militari del nucleo radiomobile, su segnalazione di alcuni residenti, sono entrati all’interno della Icim spa, un’impresa di costruzioni che ha la la sede in via Leonardo da Vinci 143.

Refurtiva recuperata

I militari hanno sorpreso M.F di 36 anni e P.L di 32, entrambi di nazionalità rumena,  mentre tentavano di asportare il contenuto di alcune casseforti. I due sono stati arrestati e rinchiusi in una cella di sicurezza in attesa del processo per direttissima. La refurtiva recuperata è stata riconsegnata ai legittimi proprietari

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

Oltre alle proprietà immobiliari, a Orlando Demasi sono stati bloccati anche 2 conti correnti,2 polizze assicurative vita oltre a 60.000 euro in contanti ritrovati all'interno di una cassetta di sicurezza

Cronaca
Controllo del territorio
Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Erano nascoste in un furgone parcheggiato in via Salieri davanti al numero 25

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

Si chiama Ristofar la società confiscata dalla Guardia di Finanza al clan dei Mazzei. Ha la sede in viale Lazio, 25, e risulta essere sottoposta a procedura di fallimento