Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 22 Giugno 2018 16:21
Operazione "Trasporto a vista"

Fatture false per 1,5 milioni di euro, tre indagati e conti correnti sequestrati In evidenza

Nell’operazione della Guardia di Finanza è coinvolta un’azienda di autotrasporti con sede a Trezzano

Le fiamme gialle hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo Le fiamme gialle hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo

Operazione della Guardia di finanza su un giro di fatture false per 1,5 milioni di euro emesse da una società fantasma a favore di cooperative e imprese di autotrasporti, una delle quali ha sede a Trezzano.

Trasporto a vista

Nell'ambito dell'inchiesta, denominata "Trasporto a vista", le fiamme gialle hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vicenza, mettendo i sigilli a numerosi conti correnti, 4 autoveicoli, quote societarie e 2 immobili residenziali nel comune di Milano, per un valore complessivo di circa 350 mila.

Tre indagati

Le indagini sono ancora in corso e potrebbero riservare molte sorprese. Al momento, sono tre le persone indagate di cui non sono state rese note le generalità. L'inchiesta è stata avviata quando i funzionari della Guardia di Finanza hanno individuato una società sospetta, con sede a Santorso in provincia di Vicenza.

Società fantasma

L’azienda, almeno formalmente, operava nel settore dell'ottica, però intratteneva rapporti per importi significativi  con imprese in settori del tutto differenti dal proprio.  Indagando, i militari hanno scoperto che questa società era senza dipendenti o mezzi ed inesistente presso l'indirizzo dichiarato.  Si trattava di una società fantasma che aveva emesso fatture fasulle per circa 1,35 milioni di euro di imponibile ed oltre 285 mila euro Iva a favore di una cooperativa e di un'impresa di autotrasporti con sede a Milano e Trezzano.

30 imprese

Gli investigatori hanno anche scoperto che l'ultimo amministratore dell'impresa vicentina era morto pochi mesi essere stato nominato e non era stato più  sostituito, mentre il precedente legale rappresentante era un pensionato milanese di 74 anni che, a dispetto dell'età, risulta amministratore di ben 30 società e cooperative. Quest'ultimo risulta indagato così come i legali rappresentanti delle due imprese che hanno beneficiato delle fatture false, compresa quella di Trezzano.

seguici sulla nostra pagina Facebook

powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

Oltre alle proprietà immobiliari, a Orlando Demasi sono stati bloccati anche 2 conti correnti,2 polizze assicurative vita oltre a 60.000 euro in contanti ritrovati all'interno di una cassetta di sicurezza

Cronaca
Controllo del territorio
Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Erano nascoste in un furgone parcheggiato in via Salieri davanti al numero 25

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

Si chiama Ristofar la società confiscata dalla Guardia di Finanza al clan dei Mazzei. Ha la sede in viale Lazio, 25, e risulta essere sottoposta a procedura di fallimento