Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 14 Giugno 2018 10:22
L'aggressione

Accoltellamento a Trezzano, la feritrice ricoverata nel reparto di psichiatria

La donna  che ha aggredito Maria Angela Rella, appare in stato confusionale e non ha ancora spiegato i motivi del suo gesto

 Il ricovero si è reso necessario perché la donna appare in stato confusionale Il ricovero si è reso necessario perché la donna appare in stato confusionale

È stata ricoverata nel reparto di psichiatria del San Carlo la sessantaseienne che ieri pomeriggio, senza alcun apparente motivo ha aggredito a Trezzano, Maria Angela Rella. Il ricovero si è reso necessario perché la donna appare in stato confusionale e non ha ancora spiegato i motivi del suo gesto. Anche Maria Angela Rella è ricoverata nello stesso nosocomio. I sanitari le hanno riscontrato numerose ferite alla gola di arma da taglio, guariblili in 25-30 giorni.

Senza spiegazioni

L’aggressione quindi rimane ancora senza alcuna spiegazione. La vicenda ormai è nota. Ieri pomeriggio, lungo viale Leonardo da Vinci che corre parallelo alla Nuova Vigevanese, all’altezza del numero 102, Maria Angela Rella, una ottantenne residente in zona, è stata accoltellata alla schiena da una sconosciuta mentre stava passeggiando. 

Il testimone

Ad aggredirla, una sessantaseienne di cui ancora oggi non sono state fornite le generalità. Importante è stata la presenza in zona di Stefano Giuliano Romano, di Opera che si trovava a Trezzano, in via Leonardo da Vinci all’altezza del civico 106. L’uomo aveva incontrato una vecchia vicina di casa e la stava salutando quando ha sentito  delle urla provenire dal vicino civico 102.

I soccorsi

È stato testimone diretto dell’aggressione. Ha visto che dietro Angela Rella c’era una altra persona che da dietro la colpiva ripetutamente con un coltello. Quando si è avvicinato,  si è accorto di quel che stava accadendo. Anche la feritrice si è accorta di lui che prestava i primi soccorsi alla vittima ed ha buttato il coltello.  Sarebbe stato lo stesso Romano a trattenere la feritrice sino all’arrivo dei carabinieri e a indicare dove avesse buttato il suo coltello.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

Oltre alle proprietà immobiliari, a Orlando Demasi sono stati bloccati anche 2 conti correnti,2 polizze assicurative vita oltre a 60.000 euro in contanti ritrovati all'interno di una cassetta di sicurezza

Cronaca
Controllo del territorio
Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Erano nascoste in un furgone parcheggiato in via Salieri davanti al numero 25

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

Si chiama Ristofar la società confiscata dalla Guardia di Finanza al clan dei Mazzei. Ha la sede in viale Lazio, 25, e risulta essere sottoposta a procedura di fallimento