Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 06 Aprile 2018 17:53
Tangenti & corruzione

Arresti sanità: il manager della multinazionale trezzanese si pente e collabora alle indagini In evidenza

L'imprenditore avrebbe anche confessato di aver pagato Massimo Buccheri, il dirigente della Asl della Spezia finito in carcere con l’accusa di corruzione

L'imprenditore trezzanese avrebbe anche ammesso di aver pagato Massimo Buccheri, il dirigente della Asl della Spezia L'imprenditore trezzanese avrebbe anche ammesso di aver pagato Massimo Buccheri, il dirigente della Asl della Spezia

Avrebbe ammesso le sue responsabilità e starebbe collaborando con i magistrati, Giuseppe Casalini, uno dei due dirigenti della Mindray di Trezzano sul Naviglio coinvolti nello scandalo delle tangenti per appalti truccati nella Sanità a La Spezia.

La confessione

Il mamanger ha reso la sua confessione questa mattina nel corso dell'interrogatorio preliminare in rogatoria a Milano, dove si trova in custodia cautelare in carcere. Secondo indiscrezioni, Casalini avrebbe ammesso la turbativa d'asta relativa a un bando regionale su ventilatori e altri presidi medici. L'imprenditore avrebbe poi ammesso anche di aver pagato Massimo Buccheri, il dirigente della Asl della Spezia finito in carcere con le accuse di corruzione, concussione, turbativa d'asta, rivelazione del segreto d'ufficio e falso in atto pubblico.

La facoltà di non rispondere

Diverso l’atteggiamento tenuto da Emanuele Fiore, il rappresentante di zona della Mindray. L’uomo, interrogato a Genova, ha rigettato gli addebiti ma ha confermato di essere a conoscenza della turbativa. Intanto, per mercoledì possimo è stato fissato il secondo interrogatorio di Massimo Buccheri, dopo che nel primo si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

Oltre alle proprietà immobiliari, a Orlando Demasi sono stati bloccati anche 2 conti correnti,2 polizze assicurative vita oltre a 60.000 euro in contanti ritrovati all'interno di una cassetta di sicurezza

Cronaca
Controllo del territorio
Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Erano nascoste in un furgone parcheggiato in via Salieri davanti al numero 25

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

Si chiama Ristofar la società confiscata dalla Guardia di Finanza al clan dei Mazzei. Ha la sede in viale Lazio, 25, e risulta essere sottoposta a procedura di fallimento