Home Cultura Torna «Parole al vento», ovvero quattro lezioni concerto per i veri amanti...

Torna «Parole al vento», ovvero quattro lezioni concerto per i veri amanti della musica

Quattro serate omaggio a Ennio Morricone, Charles Mingus, alle origini del samba e del jazz

0
Nella foto, l'Artchipel Orchestra diretta da Ferdinando Faraò (foto di Roberto Priolo?
Nella foto, l’Artchipel Orchestra diretta da Ferdinando Faraò (foto di Roberto Priolo)

È un appuntamento per musicologi e non solo. Le porte sono aperte per tutti coloro che amano la musica. Gli appassionati veri, di cui sono pieni i comuni di questa parte della provincia. Prende il via a Settimo Milanese la nuova stagione di “Parole al vento”
con quattro lezioni-concerto a cura di Artchipel Orchestra, Fausto Beccalossi, Claudio Farinone, Alessandro De Rosa, Tino Tracanna, Nenè Ribeiro, Kal dos Santos

Di cosa si tratta? Di una serie di incontri, prove aperte e conversazioni di cultura musicale tra suoni, arti visive e nuovi linguaggi. Una iniziativa interrotta bruscamente a causa della pandemia nel febbraio del 2020, che torna in una nuova sede nuovi protagonisti. Quattro gli eventi in programma, tutti a ingresso libero, sono un’occasione d’incontro tra il pubblico e gli artisti che dialogheranno e interagiranno tra loro, trasformando il confronto in un vero e proprio racconto-spettacolo.

Afferma Antonio Ribatti, ideatore e curatore della manifestazione: «La rassegna è rivolta a tutti, dagli appassionati di musica ai semplici curiosi, dalle persone disposte a confrontarsi con proposte mai ascoltate prima a chi, invece, per mentalità è aperto alle novità e, più in generale, a culture “altre”, lontane dalla nostra. Ci interessa avventurarci in racconti sonori che portino lontano, vogliamo esplorare nuovi territori dell’immaginario, non restare in pantofole nel chiuso della realtà che già conosciamo».

Il primo appuntamento è in programma mercoledì 6 aprile nell’auditorium Anna Marchesini di via Grandi 12, con l’evento “Il suono disorganizzato” (ore 21), con la partecipazione dell’Artchipel Orchestra diretta da Ferdinando Faraò: la formazione milanese, tra le più acclamate del panorama jazz italiano. Ferdinando Faraò racconterà come nasce un progetto musicale condiviso e come si organizza un “corpo musicale” intorno a specifici ruoli e competenze.

Il secondo appuntamento è per mercoledì 20 aprile nel salone degli eventi di Palazzo Granaio (ore 21), e sarà dedicato alla figura del grande Ennio Morricone, scomparso due anni fa. Sarà uno spettacolo a tre voci, protagonisti il compositore e scrittore Alessandro De Rosa, il fisarmonicista di fama internazionale Fausto Beccalossi e il chitarrista-divulgatore Claudio Farinone. Attraverso la visione di filmati inediti e spezzoni di film, De Rosa (coautore, insieme a Morricone, di “Inseguendo quel suono”, autobiografia ufficiale del Maestro) racconterà i momenti più significativi della vita e dell’opera del compositore romano due volte premio Oscar.

Mercoledì 4 maggio, sempre a Palazzo Granaio, sarà la volta di “Batuke: storia sociale del samba”, con Nenè Ribeiro (chitarra e voce) e Kal dos Santos (percussioni e voce), e la partecipazione del laboratorio di percussioni Toc Toc. “Batuke” sarà una lezione-concerto che ripercorrerà la genesi e l’evoluzione del più originale e radicato ritmo brasiliano. Nella loro performance, Nenè Ribeiro e Kal dos Santos partiranno dall’origine del samba per mettere in risalto la sua valenza sociale e artistica.

La nuova stagione di “Parole al vento” si concluderà mercoledì 18 maggio con “Mingussiana: Seven for Mingus”, progetto ideato in occasione del centenario della nascita di Charles Mingus, uno dei più importanti jazzisti di tutti i tempi. Gli renderanno omaggio il sassofonista Tino Tracanna, nome di spicco della scena italiana, e il suo gruppo, formato da alcuni dei più brillanti studenti del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e ribattezzato, per l’appunto, Seven for Mingus.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version