Seguici su Fb - Rss

Martedì, 25 Luglio 2017 10:35
La resurrezione

Il calcio trezzanese rinasce al Fabbri

Il merito ha un solo nome e cognome: Paolo Vaccarello coadiuvato da un manipolo di coraggiosi che comprende anche Stefano Giulian

I colore sociale della nuova società sarà il viola in onore del Trezzano, guidato per oltre vent'anni da Luciano Tocchi I colore sociale della nuova società sarà il viola in onore del Trezzano, guidato per oltre vent'anni da Luciano Tocchi

È risorto come un'aaraba fenice. Dopo la chiusura del trezzano calcio e la cessione del titolo al Gaggiano, il calcio trezzanese sembrava destinato a scomparire. Invece, grazie a un manipolo di coraggiosi è risorto dalle sue ceneri. Come anticipato da pocketnews.it nei giorni scorsi, Paolo Vaccarello ex amministratore delegato del Trezzano calcio, ha costituito una nuova società che ha già raccolto i desiderata di circa 120/130 ragazzi, dei 250 iscritti al vecchio Trezzano. Se tutti confermeranno la propria iscrizione, saranno la base su cui ricostruire un settore giovanile che conservi le sue radici nel territorio. Al momento l’ipotesi è di iscrivere squadre che vanno dai Primi Calci (nati nel 2009-2010) sino ai giovanissimi (2004). Il colore sociale della nuova società è il viola, in onore del Trezzano guidato per oltre vent’anni da Luciano Tocchi. È un ritorno al passato con un occhio al futuro.

La convenzione

Nei giorni scorsi, la giunta comunale ha approvato la convenzione grazie alla quale la Nuova Trezzano per i prossimi cinque anni avrà la gestione del campo Fabbri a titolo gratuito. Vaccarello e soci si sono impegnati a sostenere i lavori di ristrutturazione della palazzina che ospita gli spogliatoi (un investimento iniziale di almeno 35.000 euro). L’entusiasmo che si respira dalle parti del centro sportivo e dintorni è alle stelle: entro settembre, con l’inizio dell’attività, tutto dovrebbe essere ok. Sistemata la struttura, il Fabbri ritornerà a splendere.

Un passo importante

L’amministrazione comunale, da parte sua, ha diffuso un comunicato con il quale chiarisce la propria posizione: “Vogliamo sostenere il calcio cittadino, inteso come attività di promozione dello sport e di aggregazione sociale”. “Un passo molto importante per Trezzano – spiega l’assessore allo Sport Valerio Grassi – e per una struttura che va sostenuta e valorizzata, mantenendone la sua vocazione dedicata al calcio. Per questo abbiamo scelto il progetto della Nuova Trezzano, incentrato proprio sulla promozione calcistica. Le altre discipline sportive sono già ampiamente presenti nella nostra cittadina ed egregiamente gestite da società sportive con esperienza ventennale”.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La rinascita
Arriva il Real e Trezzano ritrova il derby

Arriva il Real e Trezzano ritrova il derby

Tornano i tempi in cui le società locali si chiamavano Vigor, Trezzano, Athletic, Real Trezzanese, Naviglio. Tempi in cui la rivalità sportiva era viva e dava luogo a confronti infuocati, sempre nel rispetto reciproco

Rugby
La rinascita
Il Rugby riparte con un “pieno” di Cinghiali e Cinghialotti

Il Rugby riparte con un “pieno” di Cinghiali e Cinghialotti

Dopo aver rischiato di scomparire, la società cesanese ha ricostituito le categorie Under 6, 8, 10, 12 e 14 e ha partecipato alle attività della Federazione Italiana, oltre a tornei nazionali e internazionali

Calcio
La rinascita
A Trezzano, il calcio riparte dalla Terza categoria

A Trezzano, il calcio riparte dalla Terza categoria

Al mister Salvatore Mento è stata affidata una rosa di 18 elementi (per il momento), quasi tutti provenienti dal settore giovanile dell’ex Trezzano calcio, con la quale proverà a guadagnarsi la promozione