Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 09 Dicembre 2019 11:59
Campionato di Seconda Categoria

Il Cesano perde la testa (della classifica) dopo una gara vietata ai deboli di cuore

Partita con continui colpi di scena, sorpassi e controsorpassi sino al rigore realizzato da Iacuaniello sui titoli di coda (al ’95)

di Fiorenzo Dosso

Il Cesano salva l’imbattibilità ma perde la vetta della classifica (sorpasso del Concordia). Sollievo o rimpianto? Bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno? Tante domande e mille emozioni nel contesto di una gara che ha avuto un finale di quelli che i bravi cronisti di una volta avrebbero definito “vietato ai deboli di cuore”.

sponsorizzao da:

Quasi decima…

Eppure il primo tempo dei gialloblù aveva creato ben altre premesse ed alimentato speranze nella direzione della decima vittoria consecutiva: vantaggio di Abati su cross di Savino, gran possesso palla, personalità, ottimo calcio, dominio praticamente totale al cospetto di un avversario – il Robur Albairate – pure di buona caratura e classifica da piena zona play-off. Come se la sosta forzata causa maltempo della domenica precedente non avesse minimamente interrotto la esaltante corsa della capolista…

Trend negativo

Ma nella ripresa cambia tutto: i 45’ inziali talmente belli lasciano – motivazioni più psicologiche che tecniche? – il posto a un pericoloso abbassamento del baricentro della squadra e a uneccessivo allungamento. E i cambi non invertono il trend negativo. Nonostante tutto, i ragazzi di mister Imbriaco avrebbero a più riprese la possibilità di mettere comunque in cassaforte la partita ma la leziosità è colpa che nel calcio si sconta amaramente.

Epilogo thrilling

E così si arriva all’epilogo thrilling. Al 90’ una punizione laterale di Trezzi, una di quelle che di solito si buttano in mezzo per creare un mischione in area, prende invece un effetto micidiale, va ad insaccarsi sotto l’incrocio e regala il pareggio agli ospiti. Parte il recupero (5’) e succede di tutto.

Contropiede micidiale

I padroni di casa si sentono beffati e si buttano rabbiosamente quanto scriteriatamente in avanti prestando il fianco ad un micidiale contropiede avversario (nato, forse, da una rimessa laterale invertita) che Caruso finalizza ribaltando clamorosamente il risultato: Cesano 1 Albairate 2. E’ il 92’ e la frittata è completa.

L'ultimo guizzo

Ma l’orgoglio gialloblù è tutto nell’ultimo guizzo di Iacuaniello che si conquista e realizza, tra le proteste del Robur Albairate, un calcio di rigore proprio sui titoli di coda (95’) di una sfida matta eppure bellissima. Adrenalinico parapiglia finale compreso.

Campione d'inverno

Domenica l’ultimo atto (recuperi a parte) del girone di andata: il Cesano sarà ospite dell’Aprile 81. Il titolo di campione d’inverno è ancora in bilico (per la capolista Concordia impegno non facile sul campo della Vercellese 1926) ma per nutrire qualche fondata speranza bisognerà ripetere l’ottimo primo tempo di ieri senza incappare negli errori della pessima ripresa.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Calcio
Campionato di Seconda Categoria
Il Cesano batte il Romano Banco grazie a due calci di punizioni fotocopia

Il Cesano batte il Romano Banco grazie a due calci di punizioni fotocopia

Bel derby d'alta classifica fra cesanesi e buccinaschini. Ospiti in vantaggio con Davide, poi due tiri di Savino regalano i tre punti ai padroni di casa

Calcio
Campionato di Seconda Categoria
Il Trezzano inciampa sull’Albairate e rimedia la nona sconfitta

Il Trezzano inciampa sull’Albairate e rimedia la nona sconfitta

Pur con una importante campagna acquisti invernale, la squadra non riesce a dare continuità alla sue prestazioni

Volley
Volley
La pallavolo Trezzano comincia il 2020 con una vittoria coi fiocchi

La pallavolo Trezzano comincia il 2020 con una vittoria coi fiocchi

Battute in tre set le ragazze dell’Up 12, grazie a un gioco di attacco che non ha lasciato scampo alle avversarie