Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 02 Settembre 2019 09:32
Coppa Lombardia

Buccinasco – Corsico: tre gol chiudono una gara da dimenticare

Gli amaranto battono per 3 a 0 i padroni di casa nella seconda gara di Coppa Lombardia alla fine di un confronto dai due volti

Nella foto, Paolo Franchina, capitano del Buccinasco Nella foto, Paolo Franchina, capitano del Buccinasco

Un  primo tempo da dimenticare, un secondo da cui prendere alcuni spunti su cui riflettere. È la sintesi della gara Buccinasco  - Corsico di Coppa Lombardia, disputata ieri pomeriggio allo stadio Scirea. In palio c’era la supremazia nel girone e la certezza quasi matematica del superamento del  turno. Anche l’arbitro (mediocre: non ha concesso al Buccinasco un rigore che l’avrebbe portato in vantaggio) ha contribuito.

Attese deluse

Dopo le vittorie conquistate contro l’Accademia Pievese da parte del Buccinasco e contro il Romano Banco da parte del Corsico, ci si aspettava di vedere in campo due formazioni che avrebbero giocato a calcio. Invece, per tutta la prima frazione , probabilmente perché le gambe sono ancora imballate dalla preparazione, o forse per il gran caldo, le attese sono state deluse.

Tentativi velleitari

Si è infatti assistito da una parte a tentativi velleitari del Corsico di imbastire qualche manovra, mentre sul fronte opposto, il  Buccinasco provava a impostare qualche ripartenza  che però rimaneva solo nelle intenzioni. Alla lentezza di esecuzione degli amaranto del presidente Durante, ha fatto da contraltare la predisposizione dei rossoblù buccinaschini a non scoprirsi affidandosi a lanci lunghi che hanno finito con lo spompare le punte. 

Un solo tito in porta

A conferma dello stato dell’arte, basti considerare che l’unico tiro in porta degno di nota dei primi 45 minuti  è arrivato poco dopo la mezz’ora quando su un cross dalla destra di Orbani, Villalba ha incocciato la sfera in mezza rovesciata  indirizzandola verso la porta rossoblù. Il tentativo è stato vanificato dalla parata di  Principe, che non si è fatto sorprendere.

I cambi

Il secondo tempo è iniziato così come era finito il primo. Con una novità: l’ingresso in campo tra le fila del Corsico di Pereda che dopo qualche minuto ha cominciato a velocizzare il gioco dei corsichesi. Da un suo recupero a centrocampo e dall’immediato lancio in profondità su Massa è nato il primo gol. L’11 amaranto (ignorato dai compagni per tutto il primo tempo) ha superato in velocità il suo avversario diretto, Patruno, e ha trafitto il portiere di casa.

L'inutile contromossa

Lo svantaggio ha costretto il mister buccinaschino, Walter Spriziolo, a sostituire Orbani con Plachesi, una punta per un centrocampista, e a spostare Radisa sulla tre quarti. Ed è proprio su una combinazione Radisa- Plachesi, che Franchina, tirato a lucido ma in debito di ossigeno, si è mangiato il possibile pareggio scagliando la sfera sull’esterno della rete dall’interno dell’area di rigore amaranto. Stesso destino hanno subito altre due occasioni. Una capitata sui piedi di Plachesi, l’altra su quelli di Franchina, entrambe parate da Procacci.

Il jolly

I tentativi di pareggiare dei rossoblù hanno aperto delle praterie alle loro spalle. Per due volte Lauri ha avuto l’occasione di raddoppiare, per due volte le ha vanificate.  Non ha fallito la terza. Pescato in area rossoblù da un lancio di Jair Burgo (un vero jolly), ha prima dribblato Miraglia, poi insaccato alle spalle di Principe. Il terzo gol è arrivato sul finire della gara ancora per merito di Jair Burgo che dalla tre quarti ha fatto partire un tiro cross che Prencipe ha smanacciato sui piedi di Leonel Mau autore del sigillo dello  0 – 3.

Le riflessioni

Le riflessioni, si diceva all’inizio. Sul fronte del Corsico, l’impressione è che mister Fantini abbia una rosa sufficientemente ampia da cui pescare per provare a superare amnesie e debacle fisiche e mentali di alcuni suoi giocatori. Sul fronte del Buccinasco, Spriziolo non sembra avere problemi di abbondanza, anzi. Se poi si considera l’età di alcuni interpreti (commoventi per il loro impegno), si comprende  come in tribuna qualche tifoso  abbia già cominciato a rimpiangere Di Pierro, il bomber della passata stagione.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzato da:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Calcio
Campionato di Seconda Categoria
Il Trezzano paga gli errori individuali e cede il passo alla capolista

Il Trezzano paga gli errori individuali e cede il passo alla capolista

Il Concordia è passato in vantaggio su una palla proveniente da calcio d’angolo sbucciata da Savarese

Calcio
Campionato di Seconda Categoria
Corsico bello solo di sera: nel pomeriggio arriva la terza sconfitta consecutiva

Corsico bello solo di sera: nel pomeriggio arriva la terza sconfitta consecutiva

I granata volano in Coppa Lombardia, ma continuano a perdere in campionato. Ad Albairate tante occasioni sprecate, sbagliato anche un rigore

Calcio
Campionato di Seconda Categoria
Cesano, l’Idrostar vince e scatta all’inseguimento della capolista

Cesano, l’Idrostar vince e scatta all’inseguimento della capolista

I gialloblù si sono sciolti ad inizio ripresa. Savino ha archiviato la pratica firmando il raddoppio su calcio di punizione