Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 28 Maggio 2018 16:46
Che peccato!

Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti, ma non è bastato

Una finale giocata fino all’ultimo secondo non può lasciare l’amaro in bocca: la sguardo oggi è rivolto ai traguardi raggiunti e ai futuri obiettivi Una finale giocata fino all’ultimo secondo non può lasciare l’amaro in bocca: la sguardo oggi è rivolto ai traguardi raggiunti e ai futuri obiettivi

di Alice Gottani

Già da mercoledì sera sapere di dover tornare a Cantù non era cosa da poco. Tutti erano consapevoli che per accedere alla serie C Gold giocando Gara 3 tra le mura nemiche non sarebbe stato facile. La tensione si taglia con il coltello: le squadre occupano ognuna la propria metà campo senza squadrarsi più, ognuno è concentrato sui propri limiti da superare. Romanoni e Prataviera sono costretti a tifare dalla tribuna.

Che lo show abbia inizio

L’inizio è estremamente complicato: ingranare la prima e partire sembra un’impresa non da poco, nessuno si sbilancia. Passano due minuti prima che il giallonero Anelli metta a segno il primo canestro della partita. Finalmente si può dire: che lo show abbia inizio! Cantù non tarda a rispondere, ma, nonostante le triple biancorosse siano difficili da contenere, i Bionics seguono a ruota e non permettono ai padroni di casa di spiccare il volo (12 – 18).

Col fiato sul collo

I Bionics riescono a mantenere una lucidità tale che permette loro di gestire la palla con sicurezza e tenere a freno il gioco avversario. Cantù è veloce, sicuro di sé, ma la schiera giallonera lo mette in difficoltà.
I biancorossi spingono per allungare il passo, ma gli errori non mancano da entrambi gli schieramenti ed i padroni di casa devono riconoscere di non avere la strada libera come si erano immaginati. I canestri vanno a segno ed il tempo scorre veloce come le gambe dei giocatori, la sirena suona sul tiro da tre realizzato da Fant che mette i Bionics appena in coda ai canturini (29 – 33).

Coraggio e lucidità

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti con determinazione e costanza. Il ritorno in campo è segnato dalla rivalsa: i gialloneri sono concentrati sull’obiettivo ed inseguono Cantù senza remore, fino a mettersi in parità. I biancorossi hanno peccato di autostima: sentirsi superiori fin dal primo momento in cui hanno messo piede in campo non ha sicuramente giovato alle prestazioni (48 – 49).

Ogni fine è un nuovo inizio

Gli ultimi dieci minuti di gioco. Gli ultimi dieci minuti della finale conquistata con un anno di duro lavoro. Nessuno si risparmia: la velocità di Casciano, la precisione di Fant e Fornari, l’audacia e la grinta di Moalli, la sfrontatezza di Anelli, l’impeto di Kisonga e la lucidità delle direttive dei coach Maurizio Contardi e Davide Matto, hanno portato i gialloneri a mettere i bastoni fra le ruote ai biancorossi che non si sono persi d’animo e hanno soffiato la vittoria dalle mani dei Bionics (61 – 71). Talivo n.e., Fornari 3, Caffarra 8, Casciano F. 11, Fant 8, Bursi n.e., Casciano A., Bolongaro n.e., Moalli 2, Arisi n.e., Kisonga 15, Anelli 14.

Si ricomincia

Sicuramente è stata una finale raggiunta vincendo e convincendo un po' tutti che sarebbe stato l'anno “buono”, l'anno dei gialloneri. Una finale giocata fino all’ultimo secondo non può lasciare l’amaro in bocca: la sguardo oggi è rivolto ai traguardi raggiunti e ai futuri obiettivi. Bravi ragazzi, si ricomincia!

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Calcio
Campionato di Terza Categoria
Nel Trezzano ruggisce Leone e i viola conquistano il Fabbri

Nel Trezzano ruggisce Leone e i viola conquistano il Fabbri

Due i protagonisti assoluti: Rubino e la punta. L’uno ha distribuito assist e segnato il raddoppio su penalty, l’altro si è procurato quel rigore e ha firmato una doppietta. Il Real sale al terzo posto

Sport
Continua la stagione
Idrostar, il bottino è di 15 medaglie (in attesa del saggio di Natale)

Idrostar, il bottino è di 15 medaglie (in attesa del saggio di Natale)

La ginnastica cesanese va la di là delle più rosee previsioni anche alla 1° gara Italiana di Fisac conquistando ben 15 podi e piazzando tutte le combinazioni a ridosso del podio e nelle prime 10 posizioni

Volley
Torneo VolleyCup - Junior League
Volley Trezzano, vittoria sofferta per le ragazze dell’Under 16

Volley Trezzano, vittoria sofferta per le ragazze dell’Under 16

Dopo un match durato quasi due ore, arriva la vittoria per 3  a 2 per le ragazze di mister Dongiacomo impegnate nel torneo VolleyCup - Junior League