Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 24 Maggio 2018 16:20
Pallacanestro

Play off di basket, i Bionics cedono a Cantù e vanno alla bella

Nella palestra di via Tiziano a Buccinasco, i gialloneri vengono sopraffatti  dai brianzoli affamati di rivincita che si aggiudicano la partita. Per la promozione bisogna vincere fuoricasa Gara 3

Palestra di via Tiziano: le mura di casa danno un senso di sicurezza, ma anche la sensazione che tutti possano avere qualche aspettativa in più Palestra di via Tiziano: le mura di casa danno un senso di sicurezza, ma anche la sensazione che tutti possano avere qualche aspettativa in più

Il clima è caldo, la tifoseria di entrambe le fazioni è schierata quasi meglio dei giocatori. Sono tutti presenti, tutti fiduciosi. I gialloneri mostrano da subito un pizzico di tensione in più: le mura di casa danno un senso di sicurezza, ma anche la sensazione che tutti possano avere qualche aspettativa in più.

Pronti, partenza…via!

Partono tutti con il piede giusto: i primi minuti di gioco sembrano lo specchio di Gara 1. Cantù entra in campo a gamba tesa e si mette subito sul 10 a 2, ma i gialloneri mostrano sangue freddo e mente calda, si destreggiano con sicurezza come dei veri padroni di casa. Canestro dopo canestro (Kisonga e Anelli in prima linea), mettono subito in chiaro che non hanno alcuna intenzione di lasciare il campo libero ai canturini e rimettono la partita su un piano più equilibrato (19 – 16).

Il distacco

Almeno fino a metà del secondo quarto la partita segue la linea del primo: i biancorossi tengono in mano le redini del gioco senza troppe pretese, infatti, i Bionics contengono le distanze e, grazie a qualche tripla (Moalli, Prataviera), mettono al sicuro anche qualche soddisfazione. Ma l’ingranaggio ben collaudato inizia a mostrare qualche falla dove i canturini si insinuano senza chiedere il permesso. Questo garantisce loro di allungare il passo e le distanze sui gialloneri che iniziano ad avere il fiato corto (41 – 29).

Obiettivo: accorciare le distanze

Può sembrare una semplice banalità, ma in partite così decisive, avere dieci minuti per ricaricare le batterie può fare la differenza. Il terzo quarto, infatti, riparte con i riflettori puntati sui padroni di casa che fanno girare la palla in perfetta sincronia (Fornari, Fant, Casciano) lasciando i canturini a bocca asciutta e rimettendosi su un piano di parità (46 – 48).

Lo stop

L’infortunio di Romanoni lo costringe fuori dal campo e lascia i compagni di squadra frastornati. Niente da dire, gli avversari non se lo fanno ripetere due volte, ingranano la marcia giusta ed in quattro minuti riescono a riassestare il gioco a loro favore mettendo al sicuro un nuovo vantaggio (57 – 47).

Vittoria biancorossa

Gli ultimi dieci minuti sono ricchi di tensioni dentro e fuori dal campo: i gialloneri mostrano qualche segno di cedimento, mentre la serie di canestri realizzati monta l’ego dei biancorossi che diventano inarrestabili. La tenacia e la testardaggine dei Bionics non sono state sufficienti, questa volta, a placare l’avversario, così Cantù si porta a casa Gara 2 con un vantaggio che lascia sicuramente l’amaro in bocca ai gialloneri (78 – 62). Marcatori: Talivo, Fornari 10, Casciano F. 8, Romanoni, Fant 6, Bursi, Prataviera 3, Bolongaro, Moalli 7, Arisi, Kisonga 19, Anelli 9.

Pronti per gara 3

È la prima sconfitta dei buccinaschini in questa fase di playoff. Una sconfitta che non passerà inosservata, ma allo stesso tempo non potrà incidere sull’umore dei giocatori che dovranno rimettere a lucido gli schemi e tornare a Cantù per giocare la decisiva Gara 3. L’appuntamento è per sabato 26 Maggio, alle 21. Forza Bionics!

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La rinascita
Arriva il Real e Trezzano ritrova il derby

Arriva il Real e Trezzano ritrova il derby

Tornano i tempi in cui le società locali si chiamavano Vigor, Trezzano, Athletic, Real Trezzanese, Naviglio. Tempi in cui la rivalità sportiva era viva e dava luogo a confronti infuocati, sempre nel rispetto reciproco

Rugby
La rinascita
Il Rugby riparte con un “pieno” di Cinghiali e Cinghialotti

Il Rugby riparte con un “pieno” di Cinghiali e Cinghialotti

Dopo aver rischiato di scomparire, la società cesanese ha ricostituito le categorie Under 6, 8, 10, 12 e 14 e ha partecipato alle attività della Federazione Italiana, oltre a tornei nazionali e internazionali

Calcio
La rinascita
A Trezzano, il calcio riparte dalla Terza categoria

A Trezzano, il calcio riparte dalla Terza categoria

Al mister Salvatore Mento è stata affidata una rosa di 18 elementi (per il momento), quasi tutti provenienti dal settore giovanile dell’ex Trezzano calcio, con la quale proverà a guadagnarsi la promozione