Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 03 Maggio 2018 14:49
Il caso del giorno

Insultano un giocatore, il mister ritira la squadra

È successo durante un match di Esordienti  Rozzano-Pontissola in uno dei tornei post campionato organizzato dalla società  neroverde

L'allenatore Igor Trocchia ha deciso di ritirare la squadra dal torneo L'allenatore Igor Trocchia ha deciso di ritirare la squadra dal torneo

È un torneo a inviti e ci si augurerebbe che solidarietà e rispetto fossero in primissimo piano. Invece, Rozzano - Pontisola , squadra della provincia di Bergamo, diventa un nuovo caso di razzismo nel mondo dello sport. In campo volano offese verso un giovane calciatore di colore del Pontisola e l'allenatore Igor Trocchia decide di ritirare la squadra dal torneo. Un gesto eclatante per sostenere Yassine Sankara, talentuoso centravanti del club bergamasco bersaglio degli insulti,. E che insulti. N**** di merda sarebbe stato più volte rivolto al ragazzo.

Il calcio non è di chi offende

Yassine è stato offeso perché di colore,e secondo il suo allenatore, il torneo può andare avanti senza i Blues nonostante le proteste dei dirigenti del Rozzano. Non importa che ci sia  la quarta partita da giocare, giusto andare a casa, perché il calcio non è di chi offende per il colore della pelle.  Hanno lasciato alla terza partita (vittoriosa) un torneo nel quale, con buonissima probabilità, sarebbero arrivati tra un mese a giocarsi la finale e in cui, con altrettanta buonissima possibilità, Y. avrebbe fatto un sacco di gol. Ma ci sono momenti dove essere uomini conta più che essere campion(cin)i.

Lo spirito che deve prevalere

L’episodio non sarebbe emerso se alla fine della gara tra Pontisola e Rozzano, il mister dei bergamaschi, Trocchia, non si fosse accorto che Yassine  rifiuta la mano e le scuse di un avversario. L’allenatore in un primo momento crede che  il motiov sia un fallo subito dal suo giocatore e per questogli chiede di far pace: è un torneo, lo spirito di fratellanza deve prevalere. Invece … Yassine è stato offeso perché di colore.

Mister, mio mister

La decisione è stata condivisa dai genitori presenti e da tutta la squadra rappresentata dal capitano degli Esordienti del Pontisola, Francesco Berardelli, che ha scritto al suo allenatore. "Ciao mister, questa volta ti scrivo per dirti GRAZIE a nome di tutta la squadra perché secondo me il tuo è stato un esempio per tutta la squadra, per tutti i presenti, una strada da seguire, un esempio per la vita. Un grazie perché quello che hai fatto è stato un gesto bellissimo nei confronti di Yasso. Credo che lui sia rimasto colpito da questo gesto. Sono orgoglioso di avere un mister come te che a queste cose dà un valore vero e proprio, non come alcuni che fanno finta di niente e lasciamo perdere... questo gesto mi ha commosso, mi è piaciuto … ho capito che in alcuni casi il gol, il rigore, la vittoria non contano, si va oltre”. Già si va oltre.

seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Calcio
La "noble art"
Da Rozzano a Miami e ritorno: la grande boxe punta su Daniele Scardina

Da Rozzano a Miami e ritorno: la grande boxe punta su Daniele Scardina

Il fuoriclasse rozzanese sarà il grande protagonista di una serata interamente dedicata alla “noble art”, che si terrà al Superstudio di via Tortona 

Sport
Ginnastica acrobatica
L’Idrostar cala due tris d’assi e ne piazza altri sul podio

L’Idrostar cala due tris d’assi e ne piazza altri sul podio

A confronto 20 società di ginnastica acrobatica per un totale di 330 atleti coinvolti

Sport
Pallacanestro
Dopo il passo falso con il Corsico, i Bionics riprendono la corsa

Dopo il passo falso con il Corsico, i Bionics riprendono la corsa

Un’altra partita difficile per il Buccinasco che, dopo la sconfitta nel derby con i corsichesi del Csc, hanno affrontato il Locate, quarto in classifica nel campionato di Prima divisione