Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 20 Dicembre 2017 14:48
La riconciliazione

Rozzano riattiva il distretto commerciale

Rinnovata la collaborazione tra Amministrazione comunale, Confcommercio e piccoli commercianti

I delegati della ConfCommercio con il sindaco di Rozzano Barbara Agogliati I delegati della ConfCommercio con il sindaco di Rozzano Barbara Agogliati

A detta di Massimiliano Durante, presidente della delegazione locale della Confcommercio, potrebbe trattarsi “di una pagina nuova nelle relazioni col Comune di Rozzano, pagina che potrà, in ogni caso, portare benefici e tutela per i piccoli operatori in grande difficoltà in questo momento a causa della crisi di tutto il comparto del commercio nella zona”. Potrebbe, perché i rapporti tra piccoli commercianti e giunta, non sono stati, anche negli ultimi tempi, particolarmente idilliaci.

Un passo avanti

Al di là dei toni (qualcuno entusiasta, qualche altro meno), la riattivazione del Distretto commerciale rozzanese sembra dunque essere un passo avanti nelle relazioni tra amministrazione locale e commercianti nonostante come rilevato dallo stesso Durante “una certa disparità tra gli stanziamenti per le opere infrastrutturali e quelli destinati al sostegno del piccolo commercio e al riequilibrio delle forme distributive”.

Il commercio di vicinato

Il Distretto è stato riportato in vita nei giorni scorsi, in municipio, alla presenza del sindaco Barbara Agogliati, dell’assessore Marco Ercoli, del dirigente al commercio Antonio Panzarino. Al ri-battesimo hanno partecipato anche il presidente della ConfCommercio di Binasco Eraldo Orsi, il segretario Antonio De Palma e Massimiliano Durante a capo della ConfCommercio di Rozzano. Pur essendo formalmente costituito, il distretto non era attivo dal 2013. Dopo quattro anni e in seguito al progetto di ampliamento dell’area commerciale di Galleria Verde- Fiordaliso, c’è la speranza da parte dei piccoli commercianti massacrati dalla grande distribuzione di ottenere importanti risorse a sostegno del commercio di vicinato, per programmare attività e iniziative in città.

Speranze e aspettative

Al termine dell’incontro è stato emanato un comunicato stampa congiunto che riassume le aspettative degli attori scesi in campo. Da una parte il sindaco Agogliati: “Siamo molto contenti di poter riavviare le attività in collaborazione con il Distretto, che spero possano valorizzare appieno il territorio attraverso iniziative a sostegno delle attività locali”.  

La compensazione

Dall’altra Eraldo Orsi: “Abbiamo sempre fermamente voluto che tutta la gestione delle iniziative finalizzate alla valorizzazione del tessuto commerciale locale passassero per il tramite del Distretto del Commercio. Questo ci permetterà di utilizzare al meglio i fondi stanziati da ‘Il Fiordaliso’ per le misure di compensazione previste dalla Regione a seguito dell'ampliamento della struttura”.  

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La novità
L’Omnicomprensivo apre le porte al Liceo Biomedico

L’Omnicomprensivo apre le porte al Liceo Biomedico

Si tratta di un percorso di orientamento alle professioni sanitarie, organizzato in collaborazione con il Ministero dell’Università e la Federazione nazionale dei medici chirurgici e degli odontoiatri

Attualità
La verifica
Emissioni di polveri ferrose nell’aria, nuovo sopralluogo dei tecnici in Marchesina

Emissioni di polveri ferrose nell’aria, nuovo sopralluogo dei tecnici in Marchesina

Effettuato questa mattina una verifica all’interno della Perego spa, a Trezzano, per verificare il rispetto dell’ordinanza comunale notificata dopo l’allerta ambientale dei giorni scorsi

Attualità
Il caso del giorno
Trezzano, nuova allerta ambientale al quartiere Marchesina?

Trezzano, nuova allerta ambientale al quartiere Marchesina?

Secondo i tecnici Arpa, un’azienda che tratta materiali ferrosi della zona non ha un idoneo sistema di depurazione delle emissioni e nemmeno per il trattamento delle acque reflue