Seguici su Fb - Rss

Sabato, 16 Dicembre 2017 18:05
La polemica

Abbattuto (parzialmente) il boschetto del cimitero di Valleambrosia

Gli alberi costituivano un’area boschiva che si affaccia su via Aspromonte, a Rozzano, tra il Borgo dei fiori e il cavalcavia del Lambro

I tronchi accatastati sul ciglio della strada non mostrerebbero particolari malattie o marciume I tronchi accatastati sul ciglio della strada non mostrerebbero particolari malattie o marciume

Sta per scatenare una nuova polemica, a Rozzano, il taglio di una parte del pioppeto che circonda il cimitero di Valleambrosia. Sarebbero troppe le piante abbattute e non tutte malate. L’allarme è stato lanciato da Marco del Gaizo del comitato di quartiere Valleambrosia che si è anche chiesto se il comune ha fatto eseguire qualche perizia prima di procedere.

La caduta dei rami

Gli alberi oggetto del taglio costituivano un’area boschiva che si affaccia su via Aspromonte, a Rozzano, tra il Borgo dei fiori e il cavalcavia del Lambro.  Secondo il Comune, il loro abbattimento è stato imposto da motivi di sicurezza legati alla loro età e per evitare, con la caduta dei rami, eventuali pericoli per la carreggiata. Il problema è che secondo Del Gaizo, che ha postato una serie di foto dei lavori sul suo profilo Facebook, ne sarebbero stati abbattuti una cinquantina. Non solo. I tronchi accatastati sul ciglio della strada non mostrerebbero particolari malattie o marciume.

A rischio esondazione

Perché allora sono stati recisi? Se davvero quelli abbattuti erano ammalati, saranno sostituiti da nuove essenze? Che fine hanno fatto i nidi che erano sulle cime degli alberi? Sull’area, che è a rischio esondazione da parte del Lambro, qualche tempo fa si dovevano realizzare degli orti, c’è stato anche chi voleva trasformarla in un parco naturalistico, poi ogni progetto è stato abbandonato. Le domanda che molti si pongono sono: “Cosa nasconde questo improvviso interesse per quell’area?” oppure “Qualche ramo caduto durante lo scorso autunno, giustifica un intervento così massiccio?”

Seguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

  • Link al commento ivan limardi Mercoledì, 20 Dicembre 2017 07:15 inviato da ivan limardi

    di sicuro c'è sotto qualche progetto, il problema dei rami si poteva risolvere con la potatura evitando l'abbattimento.
    stanno devastando le aree verdi di rozzano sostituendoli con palazzi, e rotonde.
    vergogna

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera