Seguici su Fb - Rss

Martedì, 11 Aprile 2017 15:49
Inquinamento

Rozzano, allarme per le emissioni inquinanti in via Lillà

Presentata un’interrogazione al Pirellone: “La salute dei cittadini va tutelata, Regione Lombardia accerti la natura dei fumi emessi dalle caldaie del teleriscaldamento”

I fumi di scarico provenienti dalle due caldaie installate all’esterno della centrale termica di via Lillà I fumi di scarico provenienti dalle due caldaie installate all’esterno della centrale termica di via Lillà

La lega Nord dichiara guerra ai rumori e ai fumi che provengono dalle caldaie installate in via Lillà, a Rozzano, per sopperire la scarsa capacità di riscaldare le case Aler con il teleriscaldamento. Lo ha fatto con una interrogazione presentata questa mattina a Palazzo Pirelli, sede del governo regionale lombardo, da Fabrizio Cecchetti, vicepresidente del Consiglio. Il documento invita gli organi preposti della Regione Lombardia ad accertare la pericolosità delle emissioni sonore e dei fumi provenienti dalle caldaie di via Lillà e a chiedere al Comune il perché non sarebbe stato garantito il teleriscaldamento a tutti i residenti nel quartiere Aler.

Caldaie che non funzionano

L’interrogazione nasce in seguito alle molte segnalazioni da parte di cittadini di Rozzano che da tempo lamentano i disagi provocati dai rumori molesti e dai fumi di scarico provenienti dalle due caldaie installate all’esterno della centrale termica di via Lillà.  “Ama e il Comune di Rozzano - ha spiegato Cecchetti in una nota - avrebbero dovuto, in virtù di una convenzione con Aler Milano, garantire la copertura totale delle abitazioni del quartiere popolare con il teleriscaldamento”. L’impegno non sarebbe stato mantenuto. E quel che è certo, è che, per evitare i rigori del freddo invernale sono stati installati due generatori di calore che però non funzionano o funzionano male, come lamentano i residenti. 

Dare risposte

 “Abbiamo inviato numerosi esposti all’Arpa, l'ultimo del 31 gennaio 2017- ha rivelato Cristina Perazzolo, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale - “Ai nostri rilievi non è seguito a oggi alcun riscontro per iscritto. Per questo motivo abbiamo interessato la Regione Lombardia: vogliamo dare una risposta e trovare finalmente una soluzione. I cittadini che pagano bollette salate di quota di teleriscaldamento hanno diritto ad avere un servizio adeguato e a vedere tutelata la loro salute”.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'emergenza
Caso Sacra Famiglia: “C’è preoccupazione e paura”

Caso Sacra Famiglia: “C’è preoccupazione e paura”

“Non bisogna nascondersi dietro a un dito” ha detto il sindaco Simone Negri analizzando i nuovo dati sui contagi a Cesano Boscone

Attualità
L'emergenza
Humanitas, al via nuovi centri di emergenza dedicati alla cura di Covid-19

Humanitas, al via nuovi centri di emergenza dedicati alla cura di Covid-19

Contro il Coronavirus, Intesa San Paolo ha assegnato all’ospedale di Rozzano una parte del fondo di 100 milioni di euro stanziati la settimana scorsa

Attualità
Effetti collaterali
In isolamento aumenta la violenza domestica: le app e i numeri per chiedere aiuto

In isolamento aumenta la violenza domestica: le app e i numeri per chiedere aiuto

Corsico, Cesano, Rozzano sono i comuni del Sud ovest milanese in cui più spesso si sono registrati episodi  di questo tipo