Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 15 Marzo 2017 15:19
Visto da palazzo di Giustizia

Fallimento Api, altri venti giorni di agonia In evidenza

I creditori non hanno sottoscritto alcun concordato perché non ci sono garanzie che li tutelino

Monte dei Paschi di Siena, principale creditore della municipalizzata rozzanese, ha ribadito l'assenza di elementi per poter approvare o meno il concordato Monte dei Paschi di Siena, principale creditore della municipalizzata rozzanese, ha ribadito l'assenza di elementi per poter approvare o meno il concordato

Si è combattuta questa mattina nella sezione fallimentare del Tribunale di Milano un’ulteriore battaglia per decidere il destino di Api e Ama, le due municipalizzate di Rozzano sull’orlo di una crisi che potrebbe avere pesanti conseguenze per l’intera città. Più che una battaglia, però è stata una specie di tiro al bersaglio, tra documenti inviati e mai ricevuti, tra paradossali confessioni e un pressapochismo senza precedenti. Nella sostanza una delle cose accertate è che i creditori di Api, non hanno sottoscritto alcun concordato perché non ci sono garanzie che li tutelino. In poche parole, le risorse promesse da Ama per tentare di salvare il salvabile non sono certe e quindi i creditori non se la sentono di sottoscrivere un accordo che con molta probabilità nessuno è in grado di far rispettare.

Il paradosso

Sono stati gli stessi giudici a sollevare le questioni relative alla mancata costituzione di Ama energia (la società che avrebbe dovuto rilevare le attività di Api) e alla mancanza di solidità finanziaria di Ama. Dal canto suo, Monte dei Paschi di Siena, principale creditore della municipalizzata rozzanese, ha ribadito l'assenza di elementi per poter approvare o meno il concordato. Il paradosso si è sfiorato quando si è scoperto che i consulenti Ama/Api non avrebbero fornito la documentazione necessaria ai commissari giudiziali non permettendogli, in questo modo, di rispondere alle questioni sollevate dal giudice nelle scorse udienze. La causa di questo “disguido” sarebbe da ricercare nel mancato pagamento da parte di Ama delle parcelle dello studio, come candidamente confessato dallo stesso legale.

Solo dieci creditori

L’unica cosa certa è che solo dieci creditori, per un importo di 145mila euro, hanno espresso voto favorevole al piano concordatario. Decisamente pochi per essere approvato. Così tra un paradosso e l’altro (questa vicenda ne è colma) si è arrivati alla fine dell’udienza con il giudice che ha concesso una proroga di una ventina di giorni (per fornire i documenti utili), trascorsi i quali prenderà una decisione. E il fallimento allora, in mancanza di dati inoppugnabili, non sarà solo un’ipotesi, ma una certezza.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

Oltre alle proprietà immobiliari, a Orlando Demasi sono stati bloccati anche 2 conti correnti,2 polizze assicurative vita oltre a 60.000 euro in contanti ritrovati all'interno di una cassetta di sicurezza

Cronaca
Controllo del territorio
Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Erano nascoste in un furgone parcheggiato in via Salieri davanti al numero 25

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

Si chiama Ristofar la società confiscata dalla Guardia di Finanza al clan dei Mazzei. Ha la sede in viale Lazio, 25, e risulta essere sottoposta a procedura di fallimento