Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 03 Aprile 2020 15:00
Lotta alla microcriminalità

Rozzano: gelataio appartenente a una banda di latinos arrestato dai carabinieri

Il giovane era latitante dal 2013, dopo l’emissione di un ordine di cattura emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano

Un gelataio di Rozzano, 22enne di origini equadoregne, appartenente a una banda di latinos, è stato arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri di Milano. L’accusa nei suoi confronti è di “associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro l’ordine pubblico, contro la persona e violazione legge stupefacenti”.

La cronaca

Martedì appena trascorso  attorno a mezzogiorno, durante l’attività di controllo stradale in materia di contenimento dell’emergenza da “covid-19”, i militari della caserma di Milano Barona hanno arrestato O.C.F.A. ecuadoregno classe 1997, una vecchia conoscenza dei carabinieri come appartenente alla banda Latin King Luzbel.

La latitanza

Il giovane era latitante dal 2013  dopo l’emissione dell’ ordine di “applicazione della misura cautelare della custodia cautelare in carcere", emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Milano.

La carta d'identità

I carabinieri lo hanno sorpreso in Largo Tazio Nuvolari, al quartiere Barona, vicino alla fermata autobus 94. Richiestogli cosa facesse in giro, invece di essere chiuso in casa a causa del Coronavirus, il giovane ha risposto  che stava andando al comune di Pavia ( dove in passato risiedeva) per aggiornare la sua carta di identità.

Il controllo

Essendo la scadenza dei documenti di identità rinviata ai prossimi mesi, i militari hanno effettuato dei controlli più approfonditi, alla fine di quali è risultato che a suo carico c’era   ordine di cattura emesso dopo una complessa indagine su numerosi e inquietanti episodi accaduti  a Milano dal 2011 fino all’estate 2012, e che hanno visto coinvolti gruppi di giovani di origine sudamericana.

Le Pandillas

Tutti gli indagati facevano parte di bande di latinos, riconducibili al fenomeno delle “Pandillas”, tutti gravemente indiziati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro la persona, il patrimonio e il traffico di stupefacenti. Convivente, padre di una bambina di 4 anni, da qualche tempo il giovane era dipendente di una gelateria di Rozzano.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità
Tenta di rapinare un supermercato, 49enne corsichese finisce a San Vittore

Tenta di rapinare un supermercato, 49enne corsichese finisce a San Vittore

Il malvivente è entrato nel centro commerciale con il volto coperto dal casco integrale. In mano impugnava una pistola priva di tappo rosso

Cronaca
Il caso del giorno
Momenti di tensione alla Filiale di Rozzano di Banca Intesa: clienti esasperati colpiscono con i pugni le vetrine

Momenti di tensione alla Filiale di Rozzano di Banca Intesa: clienti esasperati colpiscono con i pugni le vetrine

Gli impiegati hanno sbarrato le porte e chiamato i carabinieri. Una pattuglia è arrivata in via Lombardia per riportare la calma tra i correntisti

Cronaca
Lotta alla droga
Nasconde 7 Kg di hashish nel borsone da palestra: arrestato a pochi passi da Famagosta

Nasconde 7 Kg di hashish nel borsone da palestra: arrestato a pochi passi da Famagosta

I poliziotti hanno sequestrato anche due sacchetti con quasi 400 grammi di marijuana…