Seguici su Fb - Rss

Martedì, 01 Ottobre 2019 15:41
Il mese della prevenzione senologica

“Sorrisi in Rosa”: donne che rinascono dopo il tumore al seno

Humanitas si tinge di rosa e dà voce alle storie delle sue pazienti. L’iniziativa, nata nel 2017, diventa un festival con oltre 15 appuntamenti che coinvolgeranno migliaia di donne

Oggi il tumore al seno colpisce sempre di più le under 50 Oggi il tumore al seno colpisce sempre di più le under 50

Oggi il tumore al seno colpisce sempre di più le under 50. Un controllo senologico a partire dai 30 anni è importante, soprattutto in caso di familiarità. Di tumore al seno si può guarire e la malattia può diventare un’opportunità per riscoprirsi e aiutare tante altre donne a trovare nuova energia nell’affrontare la malattia.

Il progetto

É la filosofia che anima ‘Sorrisi in Rosa’, il progetto di prevenzione senologica realizzato da Humanitas in collaborazione con la fotografa Luisa Morniroli e la scrittrice Cristina Barberis Negra. Il progetto, giunto alla terza edizione, vuole sensibilizzare sul tema della prevenzione, a partire dall’esperienza di donne protagoniste di storie di malattia e rinascita.

Qualità della cura

“Le donne protagoniste di "Sorrisi in rosa" rappresentano un valido esempio di quanto l’approccio multidisciplinare faccia la differenza incidendo fortemente sulla qualità della cura,” – spiega Corrado Tinterri, direttore Breast Unit Humanitas che insieme al direttore associato Alberto Testori è promotore dell’iniziativa.

La mostra

L’iniziativa ruota attorno alla mostra fotografica allestita negli ospedali e i centri medici Humanitas per raccontare la storia di 12 donne. 12 sorrisi che testimoniano come la malattia sia stata l’occasione per ripartire da una nuova vita. L’elemento che accomuna le protagoniste della mostra è la sciarpa rosa, simbolo del sentirsi a casa, abbracciati, avvolti, protetti. Le sciarpe saranno in vendita per tutto il mese di ottobre in Humanitas presso il negozio della Fondazione e il ricavato sosterrà i progetti di Ricerca oncologica.

Sorrisi in vela

Quest’anno per la prima volta 6 pazienti hanno intrapreso ‘Sorrisi in Vela’ un percorso psico-fisico riabilitativo attraverso un'esperienza di full-immersion nella navigazione. Direttamente dalle barche del Centro Velico Caprera, racconteranno la propria esperienza, attraverso un  #diariodibordo  digitale  attraverso  i  canali  social  del  gruppo  Humanitas  (Instagram @HumanitasHealth e Facebook @HumanitasMilano).

Il portale

Da quest’anno Sorrisi in Rosa è anche online. Su sorrisinrosa.it sarà possibile pubblicare la propria storia insieme ad una fotografia e leggere i racconti delle donne che sono state protagoniste del progetto fino ad oggi. Inoltre, sul sito saranno presenti tutti gli eventi e le iniziative dedicate al mese della prevenzione.

Gli eventi 

A partire da martedì 1 ottobre per tutto il mese, gli ospedali e i centri medici Humanitas danno il via al ‘Festival di Sorrisi in Rosa’, oltre 15 iniziative dedicate alla sensibilizzazione della prevenzione senologica che coinvolgeranno non solo Milano, ma anche Bergamo, Varese e Torino (tutti gli appuntamenti sono sul sito dell’Humanitas).

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzato da:

1 commento

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La scomparsa
E’ morto Manuel Frattini, il divo italiano del musical: era di Corsico

E’ morto Manuel Frattini, il divo italiano del musical: era di Corsico

L'artista, nato 54 anni fa, si trovava a Milano per fare quello che più amava nella vita: la spettacolo

Attualità
La polemica
Il Consiglio approva la mensa gratis, il Pd solleva una montagna di dubbi

Il Consiglio approva la mensa gratis, il Pd solleva una montagna di dubbi

Democratici e Lista Agogliati non partecipano alla votazione e diffondono un comunicato stampa con il quale ne sottolineano i motivi

Attualità
La denuncia
Riqualificazione di via Di Vittorio a Buccinasco, la protesta dei residenti

Riqualificazione di via Di Vittorio a Buccinasco, la protesta dei residenti

All’appello, lanciato da Caterina Romanello della lista Buccirinasco, hanno risposto una sessantina di residenti