Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 07 Agosto 2019 16:15
La tragedia

Cadavere di un senzatetto ritrovato nel parcheggio sotterraneo del Fiordaliso

Si tratta di un uomo di circa quarant’anni che sino a qualche settimana fa era ospite di un amico a Rozzano. Poi…

I carabinieri sono intervenuti nel parcheggio del Fiordaliso dove è morto il senzatetto I carabinieri sono intervenuti nel parcheggio del Fiordaliso dove è morto il senzatetto

 L’odore acre era nell’aria da qualche giorno. I carabinieri intervenuti su segnalazione di alcuni automobilisti, sono arrivati in uno dei parcheggi sotterranei del Fiordaliso e lo hanno trovato. Il cadavere di un uomo, in avanzato stato di decomposizione, era all’interno di un vano utilizzato dagli operai del centro commerciale,  per il deposito di materiali inerti.

Senzatetto

Nella foto, il luogo dove è stato trovato il cadavere del quarantenne (foto da Facebook)

Secondo gli inquirenti si tratta di un 40enne senzatetto che in quel vano angusto aveva trovato un rifugio. Sarebbe morto per cause naturali. Il suo corpo, infatti, non presenta ferite riconducibili a violenze di alcun genere, anche se per lo stato in cui è stato ritrovato, bisognerà aspettare l’esame autoptico per stabilire con esattezza cosa ne ha provocato la morte.

Ospite a Rozzano

Secondo alcuni, l’uomo, sino a qualche settimana fa viveva a Rozzano ospite di un amico. Quando quest’ultimo non ha potuto più ospitarlo, è finito in strada. Dopo aver dormito per qualche giorno in alcuni parcheggi della zona, aveva trovato rifugio nei sotterranei del Fiordaliso.Secondo altri, si tratterebbe di un cameriere che sino a qualche tempo fa lavorava nel Celtic Soul, di via Curiel a Rozzano, scomparso circa dieci giorni fa, che avrebbe avuto sia problemi familiari, sia problemi di salute.

Ultimo tetto

Vicino al suo corpo, i carabinieri hanno ritrovato alcune scatole di medicinali che l’uomo prendeva anche se non è stata resa nota quale fosse la patologia di cui soffriva, e alcuni zampironi per difendersi dalle zanzare, segno che aveva eletto quella specie di deposito a propria dimora. I militarii, tra molte difficoltà, stanno tentando di rintracciare i suoi genitori o i parenti più prossimi. Vogliono restituire loro, il corpo di una uomo la cui fine mette addosso una tristezza infinita.

PUBBLICITA'

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
L'incidente
Amputata a un 16enne una falange del piede mentre è nell’azienda del padre

Amputata a un 16enne una falange del piede mentre è nell’azienda del padre

È accaduto in una officina meccanica che sorge in via Fleming, a Trezzano, al quartiere Boschetto, a poca distanza dalla Rimaflow

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Cesanese di 36 anni in manette per spaccio di cocaina

Cesanese di 36 anni in manette per spaccio di cocaina

I carabinieri lo hanno sorpreso in via Pasubio mentre cedeva a un suo cliente una dose di cocaina

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Corsico, in manette marito e moglie per spaccio di cocaina

Corsico, in manette marito e moglie per spaccio di cocaina

La coppia di coniugi abitava in via Copernico. L’accusa nei loro confronti è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti