Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 07 Giugno 2019 13:57
Elezioni & dintorni

Ferretti – Agogliati, la battaglia all’ultimo voto si combatte su Aler

Uno ha un accordo per cominciare ad affrontare i problemi, l’altra vuole togliere la gestione del patrimonio immobiliare all’Istituto

Nella foto a sx Gianni Ferretti, a dx Barbara Agogliati Nella foto a sx Gianni Ferretti, a dx Barbara Agogliati

Si combatte sul fronte dell’Aler la battaglia all’ultimo voto utile per la conquista della carica di primo cittadino di Rozzano, tra il candidato del centrodestra Gianni Ferretti, e quello del centrosinistra, Barbara Agogliati. I due non si risparmiano colpi.

L'annuncio

Nei giorni scorsi, Ferretti aveva annunciato di aver raggiunto un accordo con l’Aler che riguarderebbe alcune proposte per affrontare i problemi che da anni affliggono le oltre seimila famiglie che vivono nelle case popolari. Sul tappeto il teleriscaldamento (a Rozzano ha i costi più alti dell’intera Lombardia e forse d’Italia), il degrado dei quartieri, il recupero di alcune aree, la manutenzione degli edifici.

La conferenza

Apriti cielo. Ieri pomeriggio per rispondere a Ferretti, è stata organizzata una conferenza stampa in viale Lombardia. Questa mattina, infine, un comunicato del Pd ha accusato Aler di “abbandonare i cittadini di Rozzano nel degrado per fare un finto accordo con la Lega” ribadendo che “il quartiere può rinascere soltanto con la gestione diretta dei servizi proposta dal sindaco (uscente ndr) Barbara Agogliati”.

Strumentalizzazione

Togliere la gestione delle case popolari è il tasto su cui batte l’Agogliati che nel comunicato dichiara: “Oggi, alla luce delle dichiarazioni non smentite da Aler (cioè che con Ferretti ci sarebbe un accordo), l’obiettivo è chiarissimo: strumentalizzare i cittadini di Rozzano soffocandoli con un ricatto politico indegno che ha l’unico scopo di portare la Lega alla guida della città”.

Una verità vera?

Non contenta ha proseguito: “Ora sappiamo perché Aler ci ha sempre messo davanti un muro di gomma” adombrando l’idea che l’Istituto case popolari in questi anni non avrebbe mosso un dito nei confronti del suo patrimonio immobiliare e dei suoi inquilini solo per permettere a Ferretti di vincere la corsa alla carica di sindaco di Rozzano.

Rapporti conflittuali

Il suo avversario le risponde: “È evidente che gli accordi fatti con Aler sono ottenuti grazie alla condivisione di modalità che hanno a cuore e tutelano esclusivamente l’interesse dei cittadini e non altro” sottolineando i rapporti conflittuali intercorsi tra l’amministrazione Agogliati e Aler dovuti  “alla sua incapacità di relazionarsi con le altre istituzioni presenti sul territorio”.

Programma di incontri

Poi, Gianni Ferretti spiega: “L’appuntamento con Aler, nato nell’ambito di un programma di incontri iniziato ad aprile, che prevedeva, prima del termine delle elezioni, un faccia a faccia con ogni principale protagonista della vita cittadina da un punto di vista istituzionale, sociale e imprenditoriale, ha portato alla messa in evidenza delle possibilità – mai esercitate dalla passata amministrazione – di esplorare proposte e soluzioni per la cura della città, e non a difesa di altri interessi”.

Terra bruciata

Ferretti, infine, affonda il colpo ricordando le comunicazioni di Ama ad Aler dove si chiedeva di non abbassare le tariffe per “consentire l’equilibrio economico e la sostenibilità finanziaria” della partecipata, che poi ha portato Aler in Tribunale con pignoramento dei conti! “Si tratta dell’ennesima dimostrazione dell’incapacità amministrativa dell’ex sindaco, che ha fatto terra bruciata intorno a lei per tutelare non certo gli interessi dei cittadini”. Il duello si risolverà solo domenica, a tarda notte.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzato da:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
L'attacco
Corsico 2020, Di Capua rimette nel mirino l’ex sindaco Errante

Corsico 2020, Di Capua rimette nel mirino l’ex sindaco Errante

Inviata al Commissario prefettizio una richiesta di informazioni (un esposto per motivi sanitari e viabilistici) su una manifestazione che ha visto come protagonista il candidato del centrodestra

Politica
Ricambi
Rozzano, il leghista Giorgio Gozzalo si dimette dal Consiglio comunale

Rozzano, il leghista Giorgio Gozzalo si dimette dal Consiglio comunale

Sarà sostituito da Marco Radaelli, mentre Massimo Bordoni, primo dei non eletti, ha rinunciato all’incarico

Politica
Elezioni & dintorni
Amministrative 2020: Errante rompe gli indugi e si ricandida alla guida del centrodestra

Amministrative 2020: Errante rompe gli indugi e si ricandida alla guida del centrodestra

Lega e Fratelli d’Italia, insieme alla lista civica Corsico ideale - Errante Sindaco, ufficializzano la riconferma dell’ex sindaco, per le prossime elezioni per la carica di primo cittadino. Fuori dai giochi, per il momento Forza Italia