Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 16 Maggio 2019 10:02
La cerimonia

Rozzano, il Giardino dei Giusti intitolato a don Massimo Mapelli, il prete degli ultimi

45 anni, prete gigantesco di stazza e di cuore, in pochi anni da responsabile dalla Caritas ha creato una incredibile rete di solidarietà

nella foto, a sx don Mapelli, a destra il murale del Giordino dei giusti nella foto, a sx don Mapelli, a destra il murale del Giordino dei giusti

È stato intitolato a don Massimo Mapelli, il 'prete di strada' che guida la Caritas della sesta zona della Diocesi di Milano, il Giardino dei Giusti di Rozzano. La cerimonia di intitolazione, è avvenuta ieri alla Cascina Grande di via Togliatti, alla presenza del Consiglio comunale dei ragazzi e delle scuole cittadine.

Who's

Chi è Massimo Mapelli? 45 anni, prete gigantesco di stazza e di cuore  in pochi anni da responsabile dalla Caritas in 149 parrocchie della cintura sud di Milano ha creato una incredibile rete di solidarietà dall’emporio a Cesano Boscone per 980 nuclei familiari disagiati, a una masseria confiscata alla mafia ora abitata da famiglie di sfrattati, alla onlus «Una casa anche per te» che finora ha dato un tetto a più di 400 persone di oltre 22 nazioni.

La concretezza delle cose

Don Massimo è nato a Merate, il padre era presidente delle Acli e assessore ai servizi sociali, la madre volontaria nella parrocchia della città. Dice che ha masticato Vangelo da sempre, ma declinato nella concretezza delle cose, mica la sua semplice lettura.

Il murale

Il Giardino dei Giusti è una iniziativa in collaborazione con Gariwo, l'associazione della Foresta dei Giusti, e il centro culturale Giorgio Ambrosoli. Su un muro dell'area verde c'è anche un murale, opera dell'artista Cristian Sonda, che raffigura l’impegno sociale ed educativo di don Mapelli.

Il commento

Su Facebook don Massimo ha commentato: "Grazie, questo riconoscimento dato a me è soprattutto per tutti coloro che lavorano con me e che se lo meritano. Io non mi sento Giusto, sento che con tanti altri in questo momento scegliamo di restare umani".

Seguici sulla nostra pagina Facebook

powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera