Seguici su Fb - Rss

Sabato, 02 Febbraio 2019 16:21
I dati in Italia

Appello Humanitas: Il cancro si combatte in punta di coltello e forchetta

Secondo il team di Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Istituto di Rozzano, "la diminuzione di circa il 30% dell'apporto calorico riduce la produzione di fattori di rischio

Nella foto una sala operatoria Nella foto una sala operatoria

È ormai noto che il cancro si previene anche con un uso intelligente di forchetta e coltello. Gli studi su questo fronte si moltiplicano. E la scienza suggerisce anche di fare attenzione alle calorie, perché riducendole si taglia anche il rischio.

Giornata mondiale anti cancro

L'invito viene rivolto ai cittadini in occasione del World Cancer Day, in programma lunedì 4 febbraio: si impegnino in prima persona nella prevenzione. Un messaggio veicolato nell'ambito della campagna 'I Am and I Will', lanciata per la Giornata mondiale contro i tumori, promossa in Italia da Airc, l'Associazione italiana per la ricerca sul cancro.

Ridurre i fattori di rischio

La base della campagna si rifà ad alcune ricerche scientifiche fra cui quella firmata dal team dell’immunologo italiano più citato al mondo, Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Istituto Humanitas di Rozzano. Il gruppo di ricerca da lui guidato ha dimostrato che "la diminuzione di circa il 30% dell'apporto calorico riduce la produzione di fattori di crescita e citochine che favoriscono l'infiammazione e la comparsa di tumori".

Il ruolo di frutta e verdura

Altro studio che indaga sul rapporto fra alimentazione e cancro è quello citato da Carlo La Vecchia, università degli Studi di Milano, che ha quantificato il contributo di una dieta ricca di fibre alla riduzione del rischio di ammalarsi di tumore della testa e del collo. La ricerca conferma che consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno e quantità elevate di cereali ricchi di fibre può aiutare a diminuire le probabilità di essere colpiti da questo gruppo di neoplasie che possono svilupparsi nella bocca, nella gola, nel naso, nei seni paranasali, nella laringe (corde vocali), nella faringe, nelle ghiandole salivari e nella tiroide.  

I numeri del cancro in Italia

Nel 2017, solo in Italia, si sono stimati circa 369.000 nuovi casi di cancro e le previsioni per i prossimi anni indicano che nel 2030 il cancro sarà la principale causa di morte nel mondo, dove saranno diagnosticati fino a 21,6 milioni di nuovi casi all’anno. A fronte di questi dati ci sono i progressi della ricerca che negli ultimi due decenni hanno contribuito a far diminuire costantemente la mortalità.

Guarire si può

In Italia in particolare oggi si guarisce di più, come testimoniano i dati che ci pongono al vertice in Europa per le guarigioni: la sopravvivenza a cinque anni è aumentata rispetto ai casi diagnosticati nel quinquennio precedente sia per gli uomini (54% vs 51%) che per le donne (63% vs 60%). Nel nostro Paese, oggi, ci sono oltre 3,3 milioni di persone che hanno superato una diagnosi di cancro.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera