Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 07 Dicembre 2018 12:37
Il riconoscimento

L’Ambrogino d’Oro a due medici dell’Humanitas di Rozzano

Il riconoscimento assegnato ad Alberto Mantovani e Marco Alloisio   per l’impegno e i risultati scientifici raggiunti “a servizio del bene comune”  

Nell'immagine Alberto Mantovani e, nel riquadro, Marco Alloisio, i due medici Humanitas vincitori dell'Ambrogino d'Oro Nell'immagine Alberto Mantovani e, nel riquadro, Marco Alloisio, i due medici Humanitas vincitori dell'Ambrogino d'Oro

Il prof. Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e Marco Alloisio, responsabile del reparto di Chirurgia toracica dello stesso ospedale hanno ricevuto oggi l’Ambrogino d’Oro. Il premio gli è stato consegnato durante la cerimonia che si è tenuta questa mattina al Teatro Dal Verme.

L'emozione del prof.

“Per me – ha spiegato Alberto Mantovani - questo riconoscimento ha un significato particolare: ho avuto l’onore di ricevere prestigiosi premi internazionali un po’ in tutto il mondo, ma l’Ambrogino d’oro è certamente quello che più mi emoziona”.“Per chi, come me, lavora nel campo della Scienza e della Medicina – ha proseguito il luminare - Milano è infatti un luogo privilegiato: offre ottime condizioni in cui fare scienza, attraendo i migliori ricercatori e medici italiani e stranieri".  

Il segno del destino

Per Marco Alloisio, “Ricevere l’Ambrogino d’Oro è pura emozione, soprattutto per un milanese come me, nato all’ombra dell’Università di Medicina e dell’Istituto Tumori. Un segno forse, un legame che fin da subito si è creato con quello che poi sarebbe diventato il mio mondo, una passione che mi anima e mi guida ancora oggi fin dai miei inizi”. “Milano – ha concluso il medico -  è una citta meravigliosa e ricca di opportunità in tutti i campi, incluso quello delle Scienze della Vita. Non a caso possiamo orgogliosamente considerarla la culla dell’oncologia, che sempre più grazie alla ricerca sta progredendo e sta contribuendo a far diminuire la mortalità di molti tumori in tutto il mondo”.

Chi ha vinto Ambrogino d’Oro 2018

Le persone:

1 Alloisio Marco
2 Bassetti Rocca Andreina
3 Bottura Massimo
4 Crivelli Filippo
5 Elio e le Storie Tese
6 Fontana Alberto
7 Mantovani Alberto
8 Polo Simona
9 Recalcati Massimo
10 Roia Fabio
11 Sadler Claudio
12 Szorenyi Arianna
13 Tissi Jacopo
14 Wronowski Francesca Laura
15 Zanè Fannj Diana

Le associazioni:
1 Acra – Organizazzione Non Governativa
2 Annoni Padre Maurizio
3 Associazione Cena dell’Amicizia Onlus
4 Associazione Politeia
5 Caliari Aleardo
6 Casa di Riposo per Musicisti Fondazione Giuseppe Verdi
7 CiaiOnlus – Centro Italiano Aiuti all’Infanzia
8 Cisom
9 Comitato di redazione di Buone Notizie
10 Csv Milano – Centro Servizi Volontariato
11 Farina Gabriella
12 Fondazione Theodora Onlus
13 Gils – Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia Onlus
14 Ipsia – Istituto Pace Sviluppo Innovazione ACLI di Milano
15 Massimilla Donatella
16 Molla Massimo
17 Prina Anna Maria
18 Quotidiano Avvenire
19 Ragazzi del Progetto Giovani
20 Villa Don Antonio

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Oltre la disabilità
Trezzano vince l' “Olimpic Land”, grande festa dello sport e solidarietà

Trezzano vince l' “Olimpic Land”, grande festa dello sport e solidarietà

Si è disputata A Vanzaghello la 19 esima edizione della manifestazione alla quale hanno partecipato circa 150 atleti disabili

Attualità
L'accusa
Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Il documento sottoscritto dai responsabili dell’Area Ambiente e tutela del territorio, impone una serie di interventi che riducano le emissioni in atmosfera e sul terreno

Attualità
Il dossier
Trenord,  su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

Trenord, su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

In un report segreto sono indicati tutti i numeri del disastro: nel 2018, la società di gestione ha mandato in fumo 179 milioni di euro per ritardi e soppressioni