Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 09 Novembre 2018 09:12
Ma dai!

Rozzano si affida a Bergamo per la gestione condivisa della segreteria comunale

L'accordo prevede che Daniele Perotti si occupi delle questioni rozzanesi sino alla conclusione del mandato amministrativo con durata massima al 30 settembre 2019

Nell'immagine da sinistra: il segretario comunale di Bergano Daniele Perotti e il sindaco Giorgio Gori Nell'immagine da sinistra: il segretario comunale di Bergano Daniele Perotti e il sindaco Giorgio Gori

Un segretario, due comuni. Prendi due, paghi uno. Non è lo slogan di una nuova campagna promozionale di una grande catena di distribuzione, ma qual che accade tra il comune di Rozzano e quello di Bergamo che hanno deciso di condividere (metà e metà, un terzo e due terzi,  non si sà) il segretario comunale.  O meglio sarà il segretario comunale di Bergamo ad occuparsi anche delle questioni di Rozzano. A pochi mesi dalla conclusione del mandato amministrativo, nasce quindi una convenzione per la gestione congiunta del servizio di segretaria generale.

L's.o.s.

L’annuncio lo ha dato il sindaco del capoluogo orobico Giorgio Gori il quale, nel corso dell’ultima seduta della prima commissione consiliare, ha illustrato in che termini il segretario comunale Daniele Perotti svolgerà l’attività all’interno dell’amministrazione rozzanese. In sostanza, essendo il Comune di Rozzano temporaneamente privo di un segretario comunale in una fase in cui ci si approssima alla conclusione del mandato amministrativo, ha chiesto a Bergamo di aiutarlo. L’s.o.s. è stato raccolto. Così è stata stipulata una convenzione che permetterà al segretario bergamasco di svolgere il servizio nel municipio di Piazza Foglia. Il provvedimento, che avrà durata massima sino al 30 settembre 2019, costerà alle casse rozzanesi circa 20.000 euro in poco meno di un anno.

Perotti who's

Nel 2008 Perotti era direttore e segretario generale del comune di Tortona. Nell’aprile 2012, era stato rinviato a giudizio dalla procura di Tortona con l’accusa di abuso d’ufficio commesso, secondo il pm durante un concorso pubblico per l’assunzione di un dirigente. Nel 2014, la chiusura definitiva del procedimento penale a suo carico è stata stabilita dalla Cassazione con la formula più ampia.

Anti Salvini

Nel maggio del 2017, il segretario comunale di Palazzo Frizzoni, aveva sfilato sorridente con in mano un cartello recante la scritta “+ salvati – Salvini” durante la marcia per l’accoglienza tenutasi il 20 maggio a Milano. Un biglietto da visita niente male in un territorio in cui le tensioni destra-sinistra sono pane quotidiano.

A prosito di questo articolo riceviamo la seguente precisazione:

Egr. Direttore,
rientra nel libero esercizio della sua attività di giornalista scegliere che tipo di informazione fare e, ad esempio, quale racconto privilegiare della mia biografia: se i titoli accademici, scientifici e professionali o una non vicenda processuale. Sul suo modo di fare informazione giudicheranno i suoi lettori. Quello che invece non è consentibile è la diffusione di notizie incomplete, volutamente fuorvianti o non rispondenti al vero.

Secondo quanto compare nel brevissimo trafiletto “biografico” da Lei pubblicato che mi riguarda sarei stato “rinviato a giudizio” dalla procura di Tortona con l’accusa di abuso d’ufficio. La notizia corretta, invece è che  non vi è stato alcun valido rinvio a giudizio nei miei confronti e di conseguenza nessun processo è stato mai avviato e celebrato su un’accusa totalmente priva di fondamento. Talchè il GUP del Tribunale di Alessandria ha dichiarato, nel gennaio 2014,  il “non luogo a procedere” e, per l’appunto, non ha disposto alcun rinvio a giudizio perché il fatto imputatomi non costituiva reato.  A seguito di ricorso in Cassazione da parte del PM avverso la suddetta decisione del GUP il ricorso è stato dichiarato dalla Corte di Cassazione inammissibile per “manifesta infondatezza dei motivi”, nell’ottobre 2014. Sono dunque certo che Lei vorrà pubblicare le rettifiche del caso sia per evidenti ragioni etiche che perché questo impone la legge sulla Stampa. Distinti saluti

Daniele Perotti

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La polemica
Trezzano, bufera in Consiglio: il M5s perde il seggio di Guido Nani

Trezzano, bufera in Consiglio: il M5s perde il seggio di Guido Nani

Ieri sera, con la surroga a Chiara Crosti, c’è stata una seduta del Consiglio comunale che ha riacceso le polveri tra maggioranze e opposizione

Politica
Cambio ai vertici
Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale

Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale

“Dimissionato” Cetrangolo che non riusciva più a gestire il gruppo e a garantire sostegno alla maggioranza. Per questo motivo Errante aveva chiesto le dimissioni in bianco degli assessori Basile e Lucentini

Politica
Amministrative 2019
Elezioni: ad Assago, Musella lancia la candidatura della sua erede

Elezioni: ad Assago, Musella lancia la candidatura della sua erede

Il responsabile provinciale di Forza Italia ha presentato, durante una serata riservata, la “sua” candidata alla poltrona di primo cittadino