Seguici su Fb - Rss

Martedì, 23 Ottobre 2018 09:31
Governo locale

Rozzano, ecco il primo candidato ufficiale alle amministrative 2019 In evidenza

Si tratta di Francesco Belluscio, 64 anni, di origini lucane. Nel programma: riscatto delle case Aler e sovraindebitamento di 4500 famiglie residenti che vivono sulla soglia della povertà

Nella foto, Francesco Belluscio, candidato sindaco a Rozzano per la lista Città Nova Nella foto, Francesco Belluscio, candidato sindaco a Rozzano per la lista Città Nova

Elezioni amministrative, parte la corsa dei candidati. Dopo il sondaggio annunciato (sottovoce) dal Pd per capire se il sindaco uscente di Rozzano, Barbara Agogliati, è il cavallo giusto su cui puntare per continuare a governare la città, ecco il primo candidato ufficiale. È stato annunciato ieri sera durante una conferenza stampa. Si tratta di Francesco Belluscio, che correrà sotto le insegne di Città Nova.

Origini lucane

Belluscio, 64 anni, di origini lucane, di professione intermediario assicurativo specialista in fondi pensione, è a capo di un manipolo di amici che hanno militato in numerose associazioni presenti da anni sul territorio, da “Città Etiche” ad “Aria pulita”. Alle ultime primarie del Pd per la scelta del candidato sindaco, si è battuto perché fosse Caterina Malamacci e non la Agogliati a partecipare alla gara elettorale.

Economia sociale

Questa volta ha deciso di scendere in campo in prima persona. Il motivo? Dopo tanto lavoro svolto a favore di altri candidati, lavoro non sempre premiato, ha deciso di costituire un nuovo partito che “si occupi di economia sociale e non politica”. “Ho rotto gli indugi – ha detto ieri sera durante la conferenza – proprio per recuperare e non disperdere il lavoro svolto negli anni scorsi e molte delle persone che mi hanno affiancato”.

Valorizzare le frazioni

Tra i vari punti del programma, c’è la volontà di rilanciare le municipalità di Rozzano sul modello dei municipi di Milano, affidando ai quartieri storici che compongono la città, da Valleambrosia a Quinto stampi, da Cassino Scanasio a Pontesesto sino a Torriggio,  risorse da gestire in proprio.

La banca del microcredito

Un altro cavallo di battaglia è la Banca del microcredito che contribuisca al riscatto delle case Aler da parte dei residenti. “Un obbligo  - ha sottolineato Belluscio - previsto dalla Costituzione che, però, in Lombardia a differenza di altre regioni d’Italia, nessuno vuole adottare, non il centrodestra e nemmeno il centrosinistra”.

Il sovraindebitamento

L’interesse nel sociale è confermato dall’attenzione al sovraindebitamento di cui soffrono almeno 4500 famiglie di Rozzano che vivono ai limiti della povertà. L’idea è costituire un fondo di garanzia che permetta l’erogazione di “prestiti responsabili” in grado di far ripartire l’economia di queste famiglie, dare loro una seconda occasione per condurre una vita dignitosa.

Lotta all'illegalità

Sulla sicurezza, altra emergenza di cui Rozzano soffre, Belluscio ha detto: “L’illegalità si combatte con il lavoro. E con la presenza costante delle istituzioni. A Rozzano ci sono stati evidenti casi di voto di scambio, negozi bruciati dalle organizzazioni criminali, la microcriminalità è diffusa e su questo fronte l’attuale maggioranza e l’attuale opposizione fanno politica con il freno a mano tirato”.

La sfida

Del comitato promotore della candidatura Belluscio fanno parte anche Antonino Basci, Emanuelle Desmazure (candidata alle primarie del Pd di Milano in competizione con il sindaco Sala) e Marco Giaculli. Per poter partecipare alle amministrative, se correrà da sola, Città Nova dovrà raccogliere un migliaio di firme, per le quali si prevede l’organizzazione, nei prossimi mesi, di banchetti nei mercati e luoghi di aggregazione.  Se invece stringesse alleanze con altre liste, civiche e non (alcune trattative sarebbero in corso), ne serviranno solo un paio di centinaia.  “La sfida – ha concluso Belluscio – è intercettare trenta quaranta persone che vogliano giocare la partita con me”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

 

 

3 commenti

  • Link al commento Gennaro Amiranda Mercoledì, 24 Ottobre 2018 17:34 inviato da Gennaro Amiranda

    Ottima notizia, metterci la faccia è sempre una decisione da apprezzare. Un impegno sociale che parte da lontano, una ottima cultura sociale e politica,pessimo carattere.... Ma si può migliorare.

  • Link al commento angelo Mercoledì, 24 Ottobre 2018 14:11 inviato da angelo

    volevo sapere se sono in vendita le case ALER di via delle primule.oppure in altre vie sempre a Rozzano-mi- abito in casa ALER da 50 anni. volevo comprarla se ci fosse l'opportunita'. anche mia figlia sarebbe interessata, poiche' vuole vivere per proprio conto. vi ringrazio anticipatamente se potete darmi ragguagli in merito

  • Link al commento Emanuele Martedì, 23 Ottobre 2018 20:41 inviato da Emanuele

    Amico caro, attitudine e coraggio non ti mancano, il mio auspicio è che altri uomini e danni di buona volontà ti accompagnino in questo percorso politico al servizio degli altri.
    Buona lotta, un amico.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La polemica
Trezzano, bufera in Consiglio: il M5s perde il seggio di Guido Nani

Trezzano, bufera in Consiglio: il M5s perde il seggio di Guido Nani

Ieri sera, con la surroga a Chiara Crosti, c’è stata una seduta del Consiglio comunale che ha riacceso le polveri tra maggioranze e opposizione

Politica
Ma dai!
Rozzano si affida a Bergamo per la gestione condivisa della segreteria comunale

Rozzano si affida a Bergamo per la gestione condivisa della segreteria comunale

L'accordo prevede che Daniele Perotti si occupi delle questioni rozzanesi sino alla conclusione del mandato amministrativo con durata massima al 30 settembre 2019

Politica
Cambio ai vertici
Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale

Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale

“Dimissionato” Cetrangolo che non riusciva più a gestire il gruppo e a garantire sostegno alla maggioranza. Per questo motivo Errante aveva chiesto le dimissioni in bianco degli assessori Basile e Lucentini