Seguici su Fb - Rss

Martedì, 02 Ottobre 2018 16:08
Buona sanità

Tumori al seno, Ottobre è il mese della prevenzione

Durerà tutto ottobre un programma di iniziative da “donna a donna” organizzato da Humanitas con visite ai laboratori di ricerca, conferenze, colazioni in salute e giornate informative dedicate alla ricostruzione mammaria

Sono molte le iniziative che Humanitas ha organizzato per il mese della prevenzione senologica Sono molte le iniziative che Humanitas ha organizzato per il mese della prevenzione senologica

Si inaugura oggi a Rozzano la seconda edizione di “Sorrisi in rosa”, la mostra-libro che racconta la storia di 12 donne che hanno sconfitto il tumore al seno… Le parole di chi ha vissuto l’esperienza della malattia e l’ha superata risuonano come quelle di un angelo custode che ti accompagna nell’affrontare un cammino in salita. È questo lo spirito di #sorrisinrosa, il programma dedicato alle donne che hanno vinto la loro battaglia contro il tumore al seno e,  con il loro sorriso, sono testimoni di speranza. 12 volti, 12 storie che si fanno mostra e libro, sotto l’occhio della fotocamera di Luisa Morniroli, paziente di Humanitas e anima del progetto.

Il calendario delle iniziative

L’inaugurazione di martedì 2 ottobre al Centro Congressi, dà il via a una serie di iniziative che Humanitas ha organizzato per il mese della prevenzione senologica. Conferenze, dirette on line, open day. Per conoscere, condividere, scoprire percorsi di cura, storie di rinascita e di speranza.   E poi ancora screening gratuiti in Humanitas Medical Care di via Domodossola a Milano per under 50, figlie di donne che hanno avuto un tumore al seno (per prenotazioni www.humanitas-care.it). Fra le tante attività anche la speciale pink breakfast preparata dal divulgatore scientifico di Fondazione Veronesi Marco Bianchi che il 18 ottobre al building 8 di Humanitas cucinerà una colazione sana insieme alle pazienti.  Il 13 ottobre sarà la volta di Mamazone, la conferenza sul tumore al seno giunta all’ottava edizione. Chiude il calendario di appuntamenti il Bra Day in programma il 27 ottobre per riflettere sull’importanza della ricostruzione mammaria.

La ricerca

È all’interno dei laboratori di Ricerca che si gioca la partita più importante. “Stiamo lavorando – aggiunge il dott. Corrado Tinterri -. ad uno studio multicentrico, ‘Sinodar One’, il più importante fra quelli attivi in Italia, sulla dissezione ascellare dei carcinomi della mammella. Si tratta di una sperimentazione che coinvolge circa trenta centri di ricerca in Italia e 600 pazienti selezionate, tra i 40 e i 75 anni, che hanno tumore della mammella e, apparentemente, non hanno un coinvolgimento dei linfonodi. L’obiettivo è capire se e quanto sia sicuro non procedere allo svuotamento ascellare nelle donne che hanno un linfonodo macrometastatico e patologico. Se avremo i risultati sperati, si potrà evitare in futuro lo svuotamento ascellare - che rappresenta il problema più grosso per chi ha avuto un tumore al seno - in tutte le donne. Si ridurranno, quindi, anche le complicanze. Un vero cambio epocale”.

Cure adeguate

“Sorrisi in rosa non è solo una campagna di prevenzione  ma anche di informazione sulla qualità delle cure. La prevenzione è importante ma deve seguire un adeguato percorso di cura” – dice il dott. Alberto Testori, direttore associato Breast Unit di Humanitas. “Quest’anno, inoltre, cerchiamo di sensibilizzare soprattutto le donne più giovani nei programmi di screening perché è bene riflettere sul fatto che il 40% delle donne che hanno avuto un tumore al seno ha un’età inferiore ai 50 anni. Sì alla prevenzione, ma anche informazione, qualità dei trattamenti e adeguatezza dei percorsi di cura”.

Fiocco rosa per Sorrisi in rosa

L’elemento che accomuna le protagoniste di “Sorrisi in rosa” è la sciarpa rosa, simbolo del sentirsi a casa, abbracciati, avvolti, protetti. Ad intrecciare fili di cotone e seta, Caterina Spriano, una delle donne coinvolte attivamente nel progetto. Quest’anno ancor di più. Non solo ci ha messo le mani realizzando la nuova collezione delle sciarpe, ma anche la sua pancia con cui è ritratta nello scatto di quest’anno. Dentro, le sue due gemelline che oggi hanno due mesi. La testimonianza che di tumore al seno non solo si guarisce ma si rinasce e si riparte da una nuova vita. La sua oggi è rappresentata da Sofia e Celeste. Le sciarpe saranno in vendita durante la giornata dell’inaugurazione e per tutto il mese di ottobre presso il negozio della Fondazione Humanitas. Il ricavato sosterrà i progetti di Ricerca oncologica dell’ospedale.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Tributi e dintorni
Lotta all’evasione: Cesano pignora beni a 322 persone

Lotta all’evasione: Cesano pignora beni a 322 persone

Molte le multe per violazioni al codice della strada non pagate, per le quali sono in atto 273 provvedimenti per recuperare quasi 300mila euro

Attualità
Viabilità impazzita
Chiusura tratto Tangenziale e traffico paralizzato: “Scelta folle e intollerabile”

Chiusura tratto Tangenziale e traffico paralizzato: “Scelta folle e intollerabile”

Presentata un’interrogazione parlamentare sui motivi che hanno spinto la società di gestione a prendere questa decisione durante il periodo natalizio

Attualità
L'epilogo
Pontirolo: dopo 22 anni i Comuni si prendono i propri “diritti” sulla casa di riposo

Pontirolo: dopo 22 anni i Comuni si prendono i propri “diritti” sulla casa di riposo

É stato firmato nei giorni scorsi dai sindaci di Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico e Trezzano, l’atto notarile, previsto da un accordo sottoscritto nel 1996, mai rispettato, che aveva dato vita a un’anomalia