Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 14 Settembre 2018 09:26
In attesa della sentenza

Omicidio Tromboni, Il Pg chiede la conferma dell’ergastolo per il fratello dell’imprenditore ucciso In evidenza

L’assassinio era avvenuto a Rozzano nel marzo del 2015. Il movente? Problemi tra i due congiunti nella gestione della ditta di famiglia che produceva viti e bulloni

Nell'immagine, il cortile della viteria Tromboni a Rozzano e, nel riquadro, la vittima dell'omicidio, Luca Tromboni Nell'immagine, il cortile della viteria Tromboni a Rozzano e, nel riquadro, la vittima dell'omicidio, Luca Tromboni

“C'è un movente potente in questo omicidio e ce l'ha solo l'imputato: la rabbia di chi si sente progressivamente escluso dall'amministrazione dell'azienda di famiglia". Lo ha sottolineato ieri nella sua requisitoria il sostituto pg Daniela Meliota per chiedere ai giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano di confermare la condanna all'ergastolo di Sandro Tromboni per l'omicidio del fratello Luca, avvenuto a Rozzano nel marzo 2015.

Debiti per migliaia di euro

Stando alle indagini, condotte dai carabinieri e coordinate dal pm Gaetano Ruta, il movente sarebbe legato a problemi tra i due fratelli nella gestione della ditta di famiglia che produceva viti e bulloni. La vittima si era inizialmente allontanata dalla società, passando la gestione al fratello minore, il quale però aveva accumulato alcune centinaia di migliaia di euro di debiti.

L'assemblea

Su consiglio della madre dei due, Luca sarebbe quindi tornato a gestire l'azienda e in seguito avrebbe iniziato ad allontanare il fratello dall' amministrazione. Come ricostruito dal pg, inoltre, due giorni dopo il delitto del 50enne si sarebbe dovuta tenere un'assemblea dei soci, in cui il presunto killer sarebbe stato costretto a licenziarsi, oppure, in caso di rifiuto, avrebbe subito un demansionamento.

L'arringa della difesa

"L'imputato e' stato accantonato dal punto di vista professionale - ha sottolineato il pg - Un fatto che non poteva tollerare". L'udienza è stata aggiornata al prossimo 19 settembre per l'arringa del difensore di Sandro Tromboni, l'avvocato Robert Ranieli.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
In cella a san Vittore
Minacciava i vicini con dei coltelli, arrestato un 32enne colombiano

Minacciava i vicini con dei coltelli, arrestato un 32enne colombiano

Le liti scoppiavano per l’abitudine del colombiano di organizzare una serie di festini all’interno della propria abitazione che duravano sino a notte inoltrata

Cronaca
Niente cerimonia
‘Ndrangheta, funerali privati per il boss Francesco Barbaro

‘Ndrangheta, funerali privati per il boss Francesco Barbaro

Era stato uno dei protagonisti della stagione dei sequestri e stava scontando la condanna all’ergastolo per l’omicidio di un carabiniere commesso assieme ad Antonio Papalia

Cronaca
Violenza
Perseguita una giovane cubana, 67enne finisce a San Vittore

Perseguita una giovane cubana, 67enne finisce a San Vittore

Gli accertamenti degli investigatori hanno rivelato che l’uomo aveva più volte tentato di avviare una relazione sentimentale con la donna