Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 13 Settembre 2018 13:48
Lotta alla microcriminalità

Sette ladri e rapinatori in manette: due sono pregiudicati italiani, tre sinti, due marocchini

Nel mirino dei militari: ladri di attrezzature e generi alimentari della pizzeria “Il Capriccio” di via Roma, a Rozzano, ladri d'auto in sosta nel parcheggio dell'Ikea di Corsico, rapinatori su treni delle Ferrovie Nord

I due sono stati sorpresi dai carabinieri di Rozzano guidati dal luogotenente Filiberti, mentre si trovavano all’interno del locale I due sono stati sorpresi dai carabinieri di Rozzano guidati dal luogotenente Filiberti, mentre si trovavano all’interno del locale

Sinti battono Italia 3 a 2. Italia e Marocco 2 a 2. Carabinieri battono tutti 3 a 0. Sono sette gli arrestati in tre distinte operazioni dei militari del comando di Corsico. Una a Rozzano, l'altra a Corsico, l'ultima in trasferta a Sesto San Giovanni e dintorni. Nella prima sono finiti in manette due italiani, nella seconda, tre pregiudicati di origini sinte, domiciliati in Piemonte, nella terza due 39enni di origini marocchine. Degli italiani, uno ha 37 anni, l’alto 47. Entrambi sono pregiudicati, entrambi sono finiti in manette perché questa notte hanno assaltato la pizzeria il Capriccio di via Roma a Rozzano, di proprietà di un imprenditore mediorientale.

La sorpresa

I due sono stati sorpresi dai carabinieri di Rozzano guidati dal luogotenente Filiberti, mentre si trovavano all’interno del locale e stavano “asportando” generi alimentari, attrezzature e tutto quanto poteva essere trasferito, compresi 60 euro di spiccioli lasciati in cassa.

Con le mani nel sacco

All’arrivo dei militari, sorpresi con le “mani nel sacco” colmo di refurtiva, hanno abbozzato una fuga, ma percorsi pochi passi si sono arresi. Arrestati, sono stati rinchiusi nelle celle di sicurezza in attesa della celebrazione del processo che dovrebbe avvenire per direttissima.

Nel parceggio Ikea

In mattinata, invece, l'operazione che ha visto come protagonisti i tre sinti. I carabinieri di Corsico guidati dal maresciallo Varamo, li hanno sorpesi nel parcheggio dell'Ikea mentre tentavano di rubare un'auto di grossa cilindrata. La perquisizione della loro vettura d'appoggio, ha permesso di trovare e sequestrare tutta una serie di attrezzi per lo scasso oltre a un disturbatore di frequenze utilizzato per evitare le chiusure delle portiere. Anche per loro, in attesa del processo per direttissima, si sono aperte le porte di una cella di sicurezza.

Non c'è due, senza tre

E sempre i carabinieri di Corsico, questa volta in trasferta a Sesto san Giovanni e Cologno Monzese, hanno arrestato due 39enni di origini marocchine perché sospettati di essere gli autori di tre rapine messe a segno nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria di Corsico e a bordo di un treno della linea Albairate Saronno (agli inizi di luglio 2018). Gli investigatori hanno individuto i due, dopo l'arresto di un loro complice, avvenuto lo scorso 19 luglio, sempre a Corsico.

 Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
In cella a san Vittore
Minacciava i vicini con dei coltelli, arrestato un 32enne colombiano

Minacciava i vicini con dei coltelli, arrestato un 32enne colombiano

Le liti scoppiavano per l’abitudine del colombiano di organizzare una serie di festini all’interno della propria abitazione che duravano sino a notte inoltrata

Cronaca
Niente cerimonia
‘Ndrangheta, funerali privati per il boss Francesco Barbaro

‘Ndrangheta, funerali privati per il boss Francesco Barbaro

Era stato uno dei protagonisti della stagione dei sequestri e stava scontando la condanna all’ergastolo per l’omicidio di un carabiniere commesso assieme ad Antonio Papalia

Cronaca
Violenza
Perseguita una giovane cubana, 67enne finisce a San Vittore

Perseguita una giovane cubana, 67enne finisce a San Vittore

Gli accertamenti degli investigatori hanno rivelato che l’uomo aveva più volte tentato di avviare una relazione sentimentale con la donna