Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 10 Settembre 2018 16:40
Parte la campagna d'autunno

Rozzano, su teleriscaldamento e bollette fuori controllo arriva l’interrogazione del M5S In evidenza

È stato chiesto che la Regione  intervenga per garantire la ristrutturazione della rete  senza farne ricadere il costo sugli inquilini

Le case popolari di Rozzano servite dal teleriscaldamento Le case popolari di Rozzano servite dal teleriscaldamento

Tra fallimento Api e cessione da parte di Ama del teleriscaldamento. In mezzo, gli inquilini delle case popolari che non sanno più a che santo votarsi affinché le bollette che pagano siano ricondotte agli standard di altri comuni della provincia di Milano.

L'ennesimo rinvio

Per fare un po’ di chiarezza in un ambito che appare sempre più nebuloso, domani pomeriggio, il Consiglio regionale dovrebbe rispondere a un’interrogazione presentata da Nicola Di Marco del M5s.  Secondo l’esponente pentastellato “A Rozzano l’opera di ammodernamento della centrale termica e della rete di teleriscaldamento che serve gli alloggi di ALER Milano ha subito l’ennesimo rinvio”.

Aumenti spropositati

Nel frattempo le bollette del riscaldamento degli inquilini rimangono molto al di sopra dei valori di mercato. Di Marco continua: “A partire da marzo 2015, l’utenza delle case popolari di Rozzano si è vista recapitare da Aler Milano bollette del teleriscaldamento con aumenti del tutto spropositati. Si è passati, in breve tempo, da una tariffa di €/mq 12 ad una pari a ben €/mq 22 (con un aumento di circa +83,3%)”.  “Il sospetto – sempre secondo i Marco - è che l’aumento tariffario avrebbe dovuto sostenere gli investimenti per la ristrutturazione della centrale termica e della rete di teleriscaldamento, che però non è mai stata realizzata se non in minima parte”.

Grande incertezza

Nel frattempo la società proprietaria dell’impianto ha dichiarato fallimento e la società gestrice (AMA) ha annunciato la cessione di questo ramo aziendale. Grande è quindi l’incertezza dei residenti sul futuro sia della proprietà sia della gestione del teleriscaldamento.  Il consigliere regionale M5s ha chiesto che “Regione, che controlla ALER, intervenga per garantire la ristrutturazione della rete senza farne ricadere il costo sugli inquilini, e che consideri, a livello informale, di sondare il mercato per individuare nuovi possibili proprietari e gestori della rete stessa, visti i risultati conseguiti dagli attuali e le incertezze sul futuro”.

Conguagli da sospendere

Nell’interrogazione chiede anche che la Regione solleciti Aler a sospendere il pagamento dei conguagli relativi al riscaldamento iniziato a partire da Ottobre 2016, sospensione che garantirebbe un risparmio ai residenti abbassando di fatto il costo del teleriscaldamento verso cifre più ragionevoli.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Ambiente & Territorio
Trezzano accoglie i suoi neonati piantumando nuovi alberi

Trezzano accoglie i suoi neonati piantumando nuovi alberi

L’appuntamento è per domenica alle 15.30 nell’area verde di Via Cavour. La città celebra la messa a dimora di nuove piante dedicate ai neonati, unendo alla gioia per la vita l’impegno ambientale

Attualità
il meeting
La passione per i motori si dà appuntamento al Fiordaliso

La passione per i motori si dà appuntamento al Fiordaliso

Centinaia di giovani si ritrovano ogni martedì sera nel parcheggio del centro commerciale a discutere di auto e di motori. Ieri, a fianco di un’Alphine Renault blu, si è sognato con una Lotus gialla, oppure con una Peugeot 208 con le portiere che si aprono verso l’alto

Attualità
Emergenza lavoro
Trezzano perde un’altra grande azienda

Trezzano perde un’altra grande azienda

La Vetropack, leader nell’industria europea dei contenitori in vetro, si trasferirà a Boffalora sopra Ticino entro i prossimi due anni. I posti di lavoro saranno trasferiti