Seguici su Fb - Rss

Sabato, 16 Giugno 2018 19:12
Uso e Abuso

Mix alcol e droga dopo il Ramadan, marocchino in pericolo di vita

L'uomo ora è ricoverato in pericolo di vita alla clinica Humanitas di Rozzano, dove versa in terapia intensiva

Nell'immagina una pattuglia dei carabinieri arrivata in soccorso del marocchino Nell'immagina una pattuglia dei carabinieri arrivata in soccorso del marocchino

Doveva festeggiare la fine del Ramadan, invece ha esagerato, assumendo un mix di alcol e droga. Per questo motivo un marocchino di 28 anni ora è ricoverato in pericolo di vita alla clinica Humanitas di Rozzano, dove versa in terapia intensiva.

L'allarme delle coinquiline

L'uomo è rientrato nel suo appartamento attorno alle 23.30 di ieri dopo aver festeggiato in giro. In casa c'erano due connazionali che hanno notato subito il suo malessere, ma hanno sorvolato pensando che sarebbe bastato dormire. Durante la notte, però, il marocchino è stato male e le coinquiline hanno chiamato il 118, che a sua volta ha avvertito i carabinieri. 

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Il caso del giorno
Due ragazzini importunati sessualmente, è caccia ai molestatori

Due ragazzini importunati sessualmente, è caccia ai molestatori

Una ragazza di 14 anni e un ragazzo di 15 sarebbero stati importunati. La prima ha sporto denuncia, sul secondo episodio si cercano testimonianze che confermino quanto rivelato

Cronaca
Il caso del giorno
Rubava l’elettricità: arrestato il titolare del bar “Simons”

Rubava l’elettricità: arrestato il titolare del bar “Simons”

Sul contatore aveva installato un magnete che riduceva la registrazione dei consumi di energia fornita

Cronaca
Sfiorato il dramma
Tenta il suicidio sul piazzale del cimitero, salvato dai passanti e dai carabinieri

Tenta il suicidio sul piazzale del cimitero, salvato dai passanti e dai carabinieri

L’uomo, di cui non sono state diffuse le generalità e nemmeno il luogo di residenza aveva collegato l’abitacolo dell’auto al tubo di scarico