Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 08 Febbraio 2018 12:46
La sorpresa

Rozzano, discarica a cielo aperto lungo il Naviglio Pavese In evidenza

Divani, lattine di birra, sachetti della spesa: è lo spettacolo che ha accolto tutti coloro che  attraversano la ciclopedonale

Una vera e propria discarica a cielo aperto Una vera e propria discarica a cielo aperto

di Francesco Semeraro

Brutta sorpresa per i ciclo-pedoni che tutti i giorni attraversano la pista ciclabile lungo il Naviglio Pavese, all’altezza tra le frazioni di ValleAmbrosia e Cassino Scanasio infatti si sono trovati una vera e propria discarica a cielo aperto : lattine, sacchetti della spesa ma soprattutto un forno microonde, un tavolino e un divano completo di tutti i suoi elementi.

L'inciviltà

Grandissimo gesto di inciviltà che rovina la ciclo-pedonale che collega Milano con Pavia, che rimane uno dei pochi spazi ricchi di verde all’interno delle nostre Città. Gesto ancor più inspiegabile considerando che Rozzano è dotata di un’ecostazione in via dell’Ecologia a pochi chilometri da questo scempio.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La tempesta
Bomba d’acqua, si contano i danni

Bomba d’acqua, si contano i danni

Scuole chiuse, scantinati allagati, il temporale scatenatosi ieri sera sul Sud ovest Milanese ha lasciato dietro di sé una scia di problemi

Attualità
La novità
Parco Sud, raddoppiano le sentinelle

Parco Sud, raddoppiano le sentinelle

Costituito un secondo gruppo di volontari che sorveglierà il territorio compreso fra Trezzano, Gaggiano e Cusago, minacciato da discariche abusive e altri scempi ambientali

Attualità
La sorpresa
Incredibile a Trezzano: qualità dell'aria entro la norma (con qualche distinguo)

Incredibile a Trezzano: qualità dell'aria entro la norma (con qualche distinguo)

I dati del monitoraggio Arpa in viale Indipendenza tra gennaio e marzo: gli sforamenti riguardano i PM10, particolarmente critici in inverno. Nella norma gli altri agenti inquinanti. Nuove analisi in estate